BONUS EDILIZI

BONUS EDILIZI
 

​​​​​​​​​​​​​​                                                      SPORTELLO INFORMATIVO

                                             AGEVOLAZIONI FISCALI IN EDILIZIA

BONUS EDILIZI

 

Lo "Sportello Informativo Agevolazioni Fiscali in Edilizia del Comune di Brescia" offre le prime informazioni in materia fiscale con riferimento alle detrazioni (Bonus Edilizi) a cui i contribuenti possono  accedere quando effettuano determinati lavori sulle abitazioni e sulle parti comuni degli edifici.

N.B. Infondo alla pagina sono pubblicati allegati utili all'informativa.

Contatti sportello per informazioni :

Dott. Stefano Conter

Tel. 0302977866

Mail: sconter@comune.brescia.it

Orari sportello telefonico

dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12

 

PER colloqui CON IL TECNICO DI TURNO UTILI AD INQUADRARE DAL PUNTO DI VISTA EDILIZIO LE OPERE, SOLO

SU APPUNTAMENTO DA FISSARE ON LINE consultare la pagina:

http://www.comune.brescia.it/servizi/casa/SUE/Pagine/news.aspx

 

                                                                                                                 ATTENZIONE!

 

Si ricorda che l'ente competente in materia è l'Agenzia delle entrate.

Sedi di  Brescia

Via Marsala, 29 – 25122 Brescia

Via Sorbanella, 30  -25125 Brescia

Mail: dp.brescia.centrodicontatto@agenziaentrate.it

Tel. 0308354111

(il servizio è attivo da lunedì a venerdì dalle 8.00 alle 13.00).

 

Qui il link al sito dell'Agenzia delle entrate, sezione agevolazioni

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/cittadini/agevolazioni

e qui il link a tutte le guide

https://www.agenziaentrate.gov.it/portale/web/guest/agenzia/agenzia-comunica/prodotti-editoriali/guide-fiscali/agenzia-informa

 

Collaborazione con la CCIIAA per un'informativa integrata

Di seguito si pubblica il link del Servizio SARI - Supporto Specialistico

https://supportospecialisticori.infocamere.it/sariWeb/bs - servizio di supporto

che mette a disposizione delle imprese e dei professionisti, la consultazione di informazioni inerenti la predisposizione delle pratiche dirette al Registro delle Imprese, al Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative (REA), comprese le istanze Artigiane.

                                                                                                                                   NEWS

Gennaio 2023

 

La Legge di Bilancio 2023 ha innalzato il tetto di spesa per il Bonus Mobili e istituito il nuovo Bonus casa green, ma le modifiche fondamentali alle detrazioni edilizie 2023 sono arrivate con il DL Aiuti quater, intervenuto sulla disciplina del Superbonus. Le altre agevolazioni edilizie (Bonus Ristrutturazione, Ecobonus, Sismabonus e Bonus Verde) sono rimaste invariate, con l’eccezione del Bonus Facciate che è stato abolito.

Dal 1° gennaio 2023, l’aliquota ordinaria del Superbonus è scesa al 90% con alcuni “ripescaggi” di fine 2022 per i condomini, ai quali è concesso in deroga di applicare ancora il 110% (delibera e Cilas entro il 25 novembre 2022; delibera entro il 18 novembre e Cilas entro il 31 dicembre 2022).

Lavori: i requisiti per accedere al beneficio restano invariati: la detrazione spetta per interventi trainanti di isolamento termico sugli involucri sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni, sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti interventi antisismici. Si possono abbinare interventi trainati: efficientamento energetico, installazione di impianti solari fotovoltaici e sistemi di accumulo, infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici, eliminazione delle barriere architettoniche (16-bis, lettera e del Tuir).

Beneficiari: gli interventi devono essere sostenuti da condomini o persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arte e professione, su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche.

SUPERBONUS VILLETTE

 

Nel 2023 si può applicare il Superbonus ai lavori nelle unifamiliari (villette) solo con detrazione al 90% e solo alle seguenti condizioni: immobile “prima casa” e reddito del contribuente – applicando un meccanismo di quoziente familiare previsto dalla norma – pari al massimo a 15mila euro aumentato dell’indice familiare. Chi ha presentato uno stato di avanzamento lavori (SAL) del 30% entro lo scorso 30 settembre 2022, fruisce del 110% fino a al 31 marzo 2023.

LE ALTRE DETRAZIONI EDILIZIE 2023

 

Con l’eccezione del Bonus Mobili (potenziato) e del Bonus Facciate (abolito) restano invariate le regole per le altre detrazioni edilizie:

Bonus Ristrutturazioni: al 50% fino a un tetto di spesa di 96mila euro riferito alla singola unità immobiliare;

Bonus Mobili: al 50% fino a un tetto di spesa di 8mila euro (che scende a 5mila euro nel 2024) per arredi e gli elettrodomestici destinati ad un’unità immobiliare oggetto di ristrutturazione agevolata;

 Ecobonus: al 50-65% fino a un tetto di spesa che varia a seconda della tipologia di intervento. Per i lavori sulle parti comuni dei condomini può arrivare al 75%;

Bonus Barriere architettoniche: proroga al 2025 della detrazione al 75% per interventi finalizzati al superamento ed eliminazione di barriere architettoniche, ma solo se deliberate a maggioranza dal condominio (1/3 del valore millesimale dell’edificio);

Sismabonus: dal 50 all’85%, tetto di spesa 96mila euro;

Sismabonus acquisti: chi compra dall’impresa un immobile dopo la sua demolizione e ricostruzione, gode di una detrazione al 75 o all’85%;

Bonus verde: al 36% fino a un tetto di spesa di 3mila 600 euro;

Bonus prima casa green: consente di recuperare in 10 rate il 50% dell’IVA versata per l’acquisto della prima casa dal costruttore, purché di classe energetica A e B, con detrazione dall’imposta lorda.

 

CESSIONE DEL CREDITO2023

 

La novità, inserita nella legge di conversione del decreto Aiuti quater riguarda la cessione del credito per tutte le detrazioni edilizie. Salgono da quattro a cinque i possibili passaggi, nel senso che è stata aggiunta un’ulteriore possibilità di cessione verso le banche e gli intermediari abilitati (come le assicurazioni). Quindi, in tutto le possibili cessioni diventano cinque, di cui una libera (verso qualsiasi soggetto, per esempio un’impresa fornitrice), tre solo verso banche e intermediari abilitati e una solo da parte delle banche verso un proprio correntista, che deve essere una Partita IVA.

 

BONUS FACCIATE 2022

 

Ai fini del rilascio della certificazione/ attestazione richiesta dall'Agenzia delle Entrate per poter beneficiare del Bonus Facciate per gli interventi eseguiti nel 2022 è possibile presentare istanza mediante il portale http://sue.comune.brescia.it

 

Nonostante la pratica sia tra quelle presentate al SUE, si informa che il procedimento è in capo al Settore Pianificazione urbanistica.

l'attestazione sarà spedita in formato esclusivamente digitale.

 

Qui il link alla pagina per ulteriori informazioni:

 

http://www.comune.brescia.it/servizi/urbanistica/Pagine/Equipollenza-zone-territoriali-bonus-facciate.aspx​

 

Per ulteriori informazioni contattare il Settore pianificazione urbanistica alla seguente email :

 

urbanistica@comune.brescia.it

 

TINTEGGIATURA PROSPETTI

 

A seguito dell’approvazione del Nuovo Regolamento edilizio https://www.comune.brescia.it/servizi/casa/SUE/Pagine/REGOLAMENTO-EDILIZIO-MARZO-2022.aspx

al fine di stabilire le tinteggiature dei prospetti in conformità alle prescrizioni di cui al punto 2.2.11 dell'Allegato 2 alle NTA e all'art. 69 del R.E., per il Nucleo storico principale e i Nuclei storici minori e per gli immobili sottoposti a vincolo, sarà necessario inoltrare ”Richiesta per tinteggiature immobili” mediante il portale SUE 

https://sportellocivico.comune.brescia.it/Sportello-Edilizia/Sportello-Edilizia/starch-cportal/crea-pratica/sue?idUfficio=1

Per ulteriori informazioni contattare l'Arch. Lara Scaroni: LScaroni@comune.brescia.it




Novembre 2022

RIFORMA DEL SUPERBONUS (art. 9 DL 176/2022 C.D. Decreto Aiuti Quater)

https://www.fiscoetasse.com/files/15351/decreto-quater-in-gazzetta.pdf

Condomini

Resta al 110% il Superbonus per interventi effettuati dai condomìni e dalle persone fisiche (al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa, arti e professioni) su edifici composti al massimo da due a quattro unità immobiliari (posseduti da un unico proprietario o da più persone fisiche), per lavori già avviati in relazione alle spese sostenute nel 2022, per passare al 90% per le spese sostenute nel 2023, al 70% per le spese sostenute nel 2024 e al 65% per le spese sostenute nel 2025;

Per nuovi progetti in relazione ai quali, al 25 novembre 2022, risulta presentata la CILAS e, per lavori su edifici condominiali, se l’assemblea ha deliberato e approvato l’esecuzione prima della stessa data;

per progetti con demolizione e ricostruzione degli edifici, se al 25 novembre 2022 risulta presentata l’istanza per acquisire il titolo abilitativo.

Edifici unifamiliari

Per gli interventi su edifici unifamiliari (villette) e unità immobiliari indipendenti e autonome in edifici plurifamiliari (villette a schiera e appartamenti con ingresso autonomo in una palazzina), l’incentivo resta al 110% anche per le spese sostenute fino al 31 marzo 2023 purché, alla data del 30 settembre 2022, siano stati effettuati lavori per almeno il 30% dell’intervento complessivo.

Per questi stessi immobili, le spese sostenute nel 2023 per lavori avviati a partire dal 1° gennaio 2023 sono riammesse al Superbonus nella misura del 90% al verificarsi di tre condizioni:

  1. contribuente proprietario dell’immobile o titolare di un diritto reale di godimento (ad esempio, l’usufrutto);
  2. unità immobiliare oggetto di interventi adibita ad abitazione principale (prima casa);
  3. reddito familiare non superiore, nell’anno precedente quello di sostenimento della spesa, a una certa soglia (da 15.000 euro in su), calcolata applicando un quoziente familiare nei casi di nuclei familiari che più di una persona).

NB: Il Decreto Aiuti Quater prevede anche un nuovo contributo esentasse a favore delle persone fisiche con il requisito di reddito per il Superbonus villette. Un decreto del MEF ne dovrà fissare criteri e regole di erogazione entro 60 giorni dall’entrata in vigore del provvedimento (quindi, entro il 19 gennaio 2023).