Un progetto per non udenti

Un progetto per non udenti

L’Ente Nazionale Sordi di Brescia ha presentato il servizio d’interpretariato a favore dei non udenti che, al fine di abbattere le barriere comunicative che impediscono alle persone con disabilità di esercitare compiutamente i propri diritti di cittadinanza, sarà offerto in occasione di particolari eventi istituzionali, a partire dalle celebrazioni del prossimo 25 aprile. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con la Presidenza del Consiglio Comunale di Brescia.
La sordità è una disabilità che viene troppo spesso sottovalutata; in una società costruita a misura di persona udente, essere sordi significa andare incontro a enormi difficoltà di comunicazione, di accesso all’informazione, di integrazione scolastica e lavorativa. Solo un’attenta opera di sensibilizzazione e la promozione di servizi e risorse accessibili possono garantire reali pari opportunità.

La missione dell’Ens si traduce nell’integrazione delle persone sorde nella società, nella promozione della loro crescita, dell’autonomia e della piena realizzazione umana, attraverso l’erogazione di diversi servizi.

Una vera integrazione sociale si realizza garantendo la diffusione e l’utilizzo della lingua dei segni italiana (Lis) come strumento di accesso in tutte le istituzioni e entità nelle quali si svolge un servizio pubblico.

Per questo motivo è sorto il “Progetto Lis” che prevede la presenza di interpreti Lis professionisti, forniti dall’Ens, in occasione di particolari eventi istituzionali, negli incontri pubblici aperti alla cittadinanza, a disposizione dei cittadini bresciani sordi che intendano interfacciarsi con gli uffici comunali, la pubblica amministrazione, le strutture sanitarie territoriali o che si trovino in situazioni di disagio economico.

Documenti allegati alla pagina