Informazioni generali - Quartiere Sant'Eufemia

Dettagli della notizia

Descrizione breve
Sezione dedicata ai consigli di quartiere Sant'Eufemia

Tempo di lettura:

5 min

Aree tematiche
Sant'Eufemia

Descrizione

Descrizione
​​​Sant'Eufemia della Fonte, nota anche come Sant'Eufemia, è una frazione di Brescia con una popolazione di circa 3.500 abitanti. Si trova nel lato sud della val Carrobbio, nella parte finale tra le pendici del monte Maddalena e il piccolo monte Mascheda e confina a ovest con il quartiere Porta Venezia, a est con il quartiere di Caionvico e il Comune di Rezzato e a sud con i quartieri Sanpolino e Buffalora. È stata Comune autonomo fino al 1928. L'abitato si è sviluppato attorno al monastero, dedicato a Sant'Eufemia di Calcedonia, sorto nel 1008 ai piedi del colle Maddalena per volontà del vescovo di Brescia Landolfo, allo scopo di sostenere le bonifiche in atto nella zona.
La prima testimonianza del Comune autonomo risale all'estimo visconteo del 1385 all'interno del quale è citato come appartenente alla quadra di Rezzato. Secondo l'elenco dei comuni appartenenti al territorio di Brescia del 1679, Sant'Eufemia è elencata tra i borghi e le chiusure di Brescia, mentre nel corso del XVIII secolo è attestata più volte la sua appartenenza alla quadra di Rezzato. Con il regio decreto del 7 settembre 1862, numero 830, la denominazione del Comune divenne Sant'Eufemia della Fonte allo scopo di distinguerla da altre località omonime. Sulla base della legge relativa agli ordinamenti comunali del 1865, la municipalità fu retta da un sindaco, una giunta e un consiglio.
Nel 1881, Sant'Eufemia fu raggiunta dalla linea tranviaria a vapore Brescia – Vobarno. Nel 1928, con il regio decreto del 27 settembre 1928, numero 2383, il Comune fu soppresso e aggregato a Brescia. Il territorio del quartiere è sostanzialmente diviso fra la zona residenziale, a nord di viale Sant’Eufemia, e quella produttiva e commerciale, situata a sud.
Parte di questo territorio è inserito nel “Parco delle Colline” istituito grazie ad un accordo fra i comuni di Brescia, Concesio, Bovezzo, Collebeato e Cellatica (a cui si è successivamente aggiunto il Comune di Rezzato). Tendente a valorizzare il patrimonio naturale e paesaggistico della zona pedemontana, Il parco delle Colline di Brescia, è raggiungibile da Sant’Eufemia tramite i sentieri della val Carrobbio, all’interno del parco si possono visitare le caratteristiche grotte carsiche.
Altre attrazioni turistiche presenti nel quartiere sono la Chiesa di Sant’Eufemia della Fonte e il Monastero, che è ora divenuto sede del Museo delle Mille Miglia.
 

Il Consiglio di Quartiere Sant'Eufemia è  così composto:
 
PRESTINI CHIARA Presidente
MANTELLI CLAUDIA Vice Presidente
BONETTI ALESSIO
BORGHETTI LUCA
LIBERINI MARTINA
SELVAKUMAR RAJKUMAR
SORETTI EMANUELE
 
 
Il Consiglio di Quartiere si riunisce con cadenza mensile presso la sala civica di Via Indipendenza, 27/A


 Per rendere più puntuale ed efficace l'azione del Consiglio di Quartiere puoi segnalare eventuali criticità e formulare le tue proposte a  cdqsanteufemia@comune.brescia.it

 
Se vuoi seguire l'attività del Consiglio di Quartiere consulta le bacheche presenti sul territorio: 
 
  • ​Via Indipendenza, 27 in corrispondenza della Sala Civica​

Per consultare le date delle sedute del Consiglio di Quartiere Sant'Eufemia utilizzare l'apposito servizio on-line.

Per consultare i VERBALI DEL CONSIGLIO DI QUARTIERE 2024 visitare la relativa pagina informativa.

I verbali degli anni precedenti sono a disposizione dei cittadini previa richiesta alla mail:partecipazione@comune.brescia.it

Ultimo aggiornamento

24/05/2024, 09:47