Renzo Castagneto

Renzo Castagneto
 

Sportivo, giornalista, direttore della Mille Miglia

Figlio di Carlo e di Palmira Presti, Renzo Castagneto praticò diversi sport, fu giornalista sportivo e organizzatore di numerose importanti manifestazioni.
Da giovane fu il primo ciclista bresciano a portare a termine un giro di Lombardia professionistico. Dal ciclismo passò poi al motociclismo acquistandovi esperienza e inanellando risultati significativi. Si consacrò poi al giornalismo collaborando al giornale "Lo Sport bresciano". Fu soprattutto instancabile organizzatore sportivo. Infatti fu per due anni direttore del Giro d'Italia, per altri due della Milano-Sanremo, e ancora per altri due del Giro di Lombardia. Sempre in campo ciclistico organizzò la Brescia-Roma a tappe e per parecchi anni la Coppa Giuseppe Zanardelli oltre a molte corse locali.
In campo motociclistico organizzò la 1000 Km. (per due anni), il circuito di Brescia, la Brescia - Edolo - Brescia, la Brescia - Colle Sant’Eusebio, il Gran premio d'Italia a Monza, il circuito del Lario e molte altre gare.
 In campo calcistico fu commissario del Brescia - Foot Ball Club (1923) e del Football Club Casalini (divisione C).
Ma il settore che più lo vide presente in ruoli particolarmente significativi fu quello automobilistico. Nel 1927 con Aymo Maggi, Franco Mazzotti e l'altoatesino Giovanni Canestrini lanciava la "Mille Miglia" che fu tra le corse più affascinanti nella storia dell’automobilismo: diresse la corsa per 27 anni e la riprese più volte con formule diverse. Della corsa fu per anni segretario generale.
In campo automobilistico fu inoltre organizzatore di moltissime corse quali la Coppa internazionale delle Alpi, tutti i "Gran Premi" dell'Autodromo di Monza dal 1928 al 1940, il "Gran Premio" al Parco di Milano, il Giro d'Italia Automobilistico in tre, tutti "Gran Premi" di Tripoli, la Bengasi - Tripoli, la Tobruck - Tripoli, il "Gran Premio" di Pescara, il "Circuito di Fiume", il circuito di Latina, i "Gran Premi" di Bari, il Circuito delle mura di Bergamo, i circuiti di Campione, Sanremo, Modena Mantova, Reggio Calabria, Piacenza, La "Sanremo - Poggio dei Fiori", la "Bologna - Firenze - Bologna" per carburanti succedanei, la "Brescia - Pontedilegno", la "12 ore di Messina", il Giro di Sicilia, la "Volante d'argento" di Roma, il Trofeo di Lumezzane, il Trofeo Valle Camonica, la Piacenza-Bobbio, il "Gran Premio d'Italia" a Torino, la Coppa del Montenero a Livorno, il "Gran Premio d'Italia" a Livorno, il circuito del Garda ecc.
Nel 1959 fondò la "Scuderia Mirabella Mille Miglia".
Il 18 maggio 1974 in viale Rebuffone, all'altezza di quella che fu all’incirca la linea di partenza della Mille Miglia, venne inaugurato un busto di Renzo Castagneto opera dello scultore salodiano Angelo Aime.

Documenti allegati alla pagina