Opera del mese, "La messa in campo"

Opera del mese, "La messa in campo"

Domenica 8 novembre, alle 15.30, presso la White Room del Museo di Santa Giulia, nell'ambito de "L'Opera del Mese", sarà presentata "La Messa al Campo" di Emilio Rizzi (1938), esposta nel Museo del Risorgimento all'interno del Castello di Brescia. L'opera sarà illustrata dallo storico dell'arte Davide Sforzini.

Nel 1934, a Roma, la regina Elena di Savoia decise di indire un concorso per collocare, nella galleria del Quirinale detta "della guerra e della vittoria", opere scultoree e pittoriche capaci di celebrare l'eroismo dei soldati italiani al fronte durante la prima guerra mondiale.

Il significato delle opere doveva essere nitido e immediato, le scene dovevano muovere alla pietà senza impressionare e la natura doveva apparire ostile. Furono scartati movimenti artistici quali il futurismo e l'impressionismo poiché lo stile doveva essere fascista: lineare, imponente e celebrativo.

L'anno successivo, a Brescia, fu aperta "La Casa del Combattente", un luogo di memoria per accogliere cimeli e dipinti in onore della grande guerra. Sarà Virgilio Vecchia a eseguire i lavori di decorazione insieme ad altri due artisti: Mario Refolo ed Emilio Rizzi.

La tela realizzata da Rizzi, "La Messa al Campo", è ambientata nel paesaggio del Piave dove si svolgevano gli ultimi fatti di guerra. La composizione risulta razionalizzata e geometrica come l'arte dell'epoca imponeva ma con alcuni accenni di libertà, sperimentati dal pittore a Parigi nei primi anni del Novecento, che conferiscono al dipinto non solo una capacità celebrativa, ma anche una carica di umanità che riporta il pubblico, attraverso i sensi, alla condivisione di questa parte della nostra storia.

Le tele furono rimosse dalla loro sede alla fine della guerra e nel 1945 collocate nei magazzini della Pinacoteca Tosio Martinengo. Nell'insieme si tratta di uno dei complessi decorativi meglio conservati di quel periodo in terra bresciana, considerando che tutti gli altri cicli pittorici dell'epoca fascista sono scomparsi.

"L'Opera del mese" - 12 capolavori per 12 mesi è un progetto finalizzato alla valorizzazione del patrimonio museale bresciano, ideato dall'assessorato alla Cultura e Promozione della Città del Comune di Brescia, svolto in collaborazione con la Fondazione Brescia Musei e l'Accademia di Belle Arti di Brescia Santa Giulia.

Oltre alla conferenza di presentazione, tenuta da Davide Sforzini, saranno dedicati all'opera del mese alcuni approfondimenti sui canali web e sui social network del Comune e di Fondazione Brescia Musei, e un filmato su Youtube.

L'Opera del Mese sarà inoltre identificata nel percorso museale attraverso un totem, fornito di scheda di approfondimento cartacea e di un apposito codice di riferimento QRcode, leggibile con il proprio smartphone.

La visione dell'opera sarà consentita per tutto il mese di novembre presso il Museo del Risorgimento. Si ricorda che al termine dell'incontro saranno timbrate le tessere fedeltà, che dovranno essere esibite alla biglietteria del museo per accedere gratuitamente alla visita dell'opera.

Si ricorda che al raggiungimento di almeno otto presenze si avrà diritto a un omaggio. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

 

"L'Opera del Mese" di novembre

"La Messa al Campo", Emilio Rizzi - 1938

Museo del Risorgimento, Castello di Brescia

 

IL PROSSIMO APPUNTAMENTO

Domenica 13 dicembre 2015

Ore 15:30

"Adorazione dei Pastori" di Lorenzo Lotto

Santa Giulia, Museo della Città - sezione Ospite Eccellente

Introdurrà l'opera Roberta D'Adda, storica dell'arte, Fondazione Brescia Musei

 

PER INFO:

www.bresciamusei.com - www.turismobrescia.it

santagiulia@bresciamusei.com

tel. 030.2977834

turismo@comune.brescia.it

tel. 030.2400357

Documenti allegati alla pagina