Coronavirus – La Lombardia in zona bianca

Coronavirus – La Lombardia in zona bianca
 

​​​​Lunedì 14 giugno entra in vigore l'Ordinanza del Ministro della Salute dell'11 giugno 2021in base alla quale la Lombardia è in “zona bianca".

📌 Mascherine

Permane, sull'intero territorio nazionale, l'obbligo di avere sempre con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie e indossarli nei luoghi al chiuso diversi dalla propria abitazione.

Non è obbligatorio indossare la mascherina nei casi in cui sia costantemente garantita, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, una condizione di isolamento da altre persone non conviventi. Non sono obbligati ad indossare la mascherina i bambini al di sotto dei 6 anni, o i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso della mascherina e le persone che devono comunicare con loro. Non è obbligatorio l'uso della mascherina nemmeno per coloro che svolgono attività sportiva. In presenza di persone non conviventi, è fortemente raccomandato l'uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all'interno delle abitazioni private. 

Dal 28 giugno fino al 31 luglio nelle zone bianche cessa l'obbligo di indossare la mascherina all'aperto, salvo nelle situazioni in cui non possa essere rispettato il dista​nziamento interpersonale o si configurino assembramenti.

📌 Distanziamento e igiene personale

Permane l'obbligo adottare tutte misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio, come il distanziamento fisico e l'igiene costante e accurata delle mani.

📌  Limitazioni agli spostamenti sul territorio

A partire dal 14 giugno è consentito spostarsi all'interno del territorio regionale senza  limitazioni orarie e senza dover motivare lo spostamento.  È consentito andare a far visita a parenti o amici, restando all'interno della stessa zona, senza limiti di orario o nel numero di persone che si spostano. Sono consentiti gli spostamenti in entrata e in uscita dal territorio regionale da/verso altri territori collocati in zona gialla o in zona bianca.

Gli spostamenti verso località collocate in zona gialla devono avvenire nel rispetto delle restrizioni di orario previste in tali zone e di quelle relative agli spostamenti verso altre abitazioni private abitate. Per gli spostamenti effettuati dalle ore 24 alle ore 5 del giorno successivo all'interno delle zone gialle è necessario esibire un'autocertificazione.

📌 Certificazione verde

Le linee guida per la ripresa delle attività economiche e sociali possono prevedere, con riferimento a particolari eventi, che l'accesso o partecipazione siano riservati soltanto ai soggetti in possesso delle certificazioni verdi COVID-19.Tali certificazioni, prodotte in formato cartaceo o digitale, possono comprovare: - lo stato di avvenuta vaccinazione contro il Covid-19, la guarigione dall'infezione da Covid-19,  l'effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo.

📌 Attività commerciali, negozi e servizi disponibili

Le attività commerciali al dettaglio sono consentite nel rispetto dei protocolli o delle linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi. Non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili. Le attività inerenti ai servizi alla persona sono consentite nel rispetto dei protocolli o linee guida adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome.

📌  Bar, ristoranti, delivery e asporto

Sono consentite, anche al chiuso, le attività dei servizi di ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio. La consegna a domicilio è sempre consentita senza restrizioni di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l'attività di confezionamento che di trasporto. Dal 14 giugno anche la somministrazione per asporto di alimenti e bevande da parte di tutti i pubblici esercizi è consentita senza limiti orari, fatte salve le regolamentazioni sugli orari dei pubblici esercizi adottate in via generale dai Comuni.

 

L'11 giugno è stata emanata l'Ordinanza di Regione Lombardia n. 779 con la quale vengono anticipate al 14 giugno 2021 le date di riapertura, per le seguenti attività:

📌 parchi tematici e di divertimento, anche temporanei (attività di spettacolo viaggiante, parchi avventura e centri d'intrattenimento per famiglie);

📌 piscine e centri natatori in impianti coperti;

📌 centri benessere e termali;

📌 feste private anche conseguenti alle cerimonie civili e/o religiose all'aperto e al chiuso;

📌 attività dei servizi di ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio, anche al chiuso;

📌 fiere (comprese sagre e fiere locali), grandi manifestazioni fieristiche, congressi e convegni;

📌 eventi sportivi aperti al pubblico, diversi da quelli di cui all'articolo 5 del decreto-legge n. 52/2021, che si svolgono al chiuso;

📌 sale giochi e scommesse, sale bingo e casinò;

📌 centri culturali, centri sociali e centri ricreativi;

📌 corsi di formazione.