Incancellabile vittoria – Installazione monumentale

Incancellabile vittoria – Installazione monumentale

​Da martedì 27 ottobre alla fermata “Stazione FS” della metropolitana di Brescia si può ammirare “Incancellabile Vittoria”, installazione monumentale che l’artista siciliano Emilio Isgrò ha donato alla città.
dii circa 200 mq, composta da 205 pannelli di fibrocemento fresati, il cui soggetto presenta la sagoma della Vittoria Alata che si eleva dalle cancellature tipiche della sua cifra espressiva più caratteristica, che hanno dato origine a uno dei più originali linguaggi dell’arte contemporanea del secondo dopoguerra.
L’opera copre una superficie d circa 200 mq ed è composta da 205 pannelli di fibrocemento fresati, il cui soggetto presenta la sagoma della Vittoria Alata che si eleva dalle cancellature tipiche della sua cifra espressiva più caratteristica, che hanno dato vita a uno dei più originali linguaggi dell’arte contemporanea del secondo dopoguerra. L’installazione, realizzata sulla parete nord della fermata metropolitana, e quindi nella porta di ingresso della città diventa simbolo di accoglienza, ed è uno degli eventi voluti dall’Amministrazione comunale per celebrare il ritorno a Brescia della Vittoria Alata, monumento simbolo della città nonché una delle più straordinarie statue in bronzo di epoca romana, dopo due anni di restauro all’Opificio delle pietre dure di Firenze.
Nella ricostruzione dell’artista siciliano la La silhouette della dea romana, tratteggiata di colore rosso e riconoscibile dalle ali e dalla posizione alzata delle braccia, emerge da una più ampia griglia composta da cancellature nere su un brano tratto dall’Eneide del poeta classico Publio Virgilio Marone
Le cancellature sono state operate in profondità, oltre che con livelli differenti rispetto alle lettere del testo. In questo modo è stato ottenuto un effetto di chiaroscuro tipico del bassorilievo scultoreo.