Progetto Aquarius, avviato a Brescia il piano di riduzione delle perdite idriche

Progetto Aquarius, avviato a Brescia il piano di riduzione delle perdite idriche
 

​Dopo una prima fase pilota, circoscritta lo scorso anno ad alcune vie nella zona nord della città, A2A Ciclo idrico ha avviato su larga scala a Brescia il progetto “Aquarius” per il rilevamento delle perdite idriche.


Nel distretto del centro storico sono stati di recente installati 170 sensori che hanno il compito di monitorare le reti e di rilevare il rumore determinato da eventuali fuoriuscite di acqua: quando ciò accade, trasmettono il dato a una piattaforma di elaborazione dati che, intrecciando tutte le informazioni, riesce a localizzare il punto in cui la tubazione è rotta o deteriorata. L’installazione dei sensori, inoltre, non comporta alcuno scavo perché per collocarli si utilizzano i normali pozzetti della rete.


Il monitoraggio continuo è arrivato così a coprire 50 chilometri di rete, portando a 60 i chilometri complessivamente monitorati: l’individuazione delle perdite occulte consentirà di ottimizzare gli interventi e di ridurre l’incidenza di eventi di superficie in un’area molto delicata e complessa come il centro storico, dove la rapidità e la precisione nella localizzazione della perdita assumono particolare rilevanza.


Il tema delle perdite idriche ha visto A2A Ciclo Idrico avviare a Brescia negli ultimi anni un percorso virtuoso di riammodernamento della rete acquedottistica attraverso un programma specifico (“crash program”) impostato nel 2017 e che nell’ultimo biennio ha visto rinnovare integralmente 2,4 km di rete.


Il programma è composto da diverse attività declinabili in due filoni: il primo finalizzato alla riduzione delle perdite reali, il secondo intervenendo sulle cosiddette perdite apparenti, come ad esempio la sostituzione massiva dei contatori obsoleti (età > 10 anni), la ricerca dei consumi non autorizzati e/o non misurati, la posa dei contatori su utenze non misurate (fontanelle, prese antincendio ecc.) e la taratura degli strumenti di misura di processo posti sugli impianti di prelievo e trattamento acqua.


In questo quadro, è comunque opportuno evidenziare che A2A Ciclo Idrico ha perdite inferiori alla media nazionale (39,8 % su tutto il bacino e 30,2% nella città di Brescia rispetto al 47,9% nazionale), oltre al fatto che le perdite stesse sono un tema complesso che non si limita all’acqua persa dalle tubazioni rotte.


Il progetto per la riduzione delle perdite è un progetto di lungo termine, che contempla attività di analisi, di progettazione e di effettiva realizzazione delle opere, che necessariamente devono tener conto anche degli impatti sul sistema territoriale della città, con l’obiettivo di minimizzare i disagi alla cittadinanza.

La ricerca e il ritrovamento dei punti in cui la rete perde acqua è infatti il primo passo, cui segue la necessità di cantieri per riparare o sostituire le tubazioni ammalorate: ove possibile verranno utilizzate tecnologie “no-dig” che limitano il più possibile gli scavi necessari agli interventi.

Nel prossimo quinquennio A2A Ciclo Idrico, tra città e provincia e in relazione ai 3.500 Km di rete gestiti, intende sottoporre a verifica con il sistema Aquarius almeno 1000 km di rete nei Comuni con maggior necessità, oltre ai 700 della rete cittadina: tali sperimentazioni comporteranno investimenti di circa 4 milioni di euro, che si aggiungono a quelli in corso a Brescia di 500 mila euro. Ovviamente in questi importi non sono compresi i costi per eliminare le perdite.

Il progetto sensori, in particolare, dopo il centro storico verrà esteso ad altre zone di Brescia nel corso del 2021, mentre prossimamente i primi Comuni della provincia interessati saranno Botticino, Lonato e Montichiari.