Raccolta differenziata zona rossa

Raccolta differenziata zona rossa
 

Sabato 6 maggio, l'Amministrazione comunale ha illustrato la soluzione proposta per la raccolta differenziata nel centro storico di Brescia (denominata zona rossa) che partirà da settembre.

In dodici aree con viabilità limitata verranno installate delle batterie di cassonetti con una volumetria di 1,8mc, quindi molto più ristretti rispetto a quelli attualmente in uso, che verranno svuotati con maggiore frequenza. Inoltre, i contenitori saranno dotati di un dispositivo in grado di valutare e di comunicare in tempo reale il livello dei rifiuti all'interno dei cassonetti. In questo modo si potranno ottimizzare i percorsi della raccolta, intervenendo prima nelle situazioni di maggiore criticità.

All'interno delle mura venete verranno installati 374 cestini stradali, mentre le attuali tipologie saranno uniformate ai modelli "Catone" e "Topsy", adatti ad evitare l'introduzione di sacchetti.

Nel centro storico saranno poi inseriti 72 dispenser per la raccolta delle deiezioni canine.

Uno degli elementi chiave del sistema è quello dell'individuazione dei punti di esposizione per la carta e la plastica. La carenza di spazi disponibili sulle strade urbane, infatti, rende auspicabile un criterio orientato su un particolare senso, sia a sinistra che a destra, per evitare la presenza contemporanea dei rifiuti su entrambi i lati della carreggiata.

Inoltre, come già previsto per il cartone, verrà effettuato un primo giro di raccolta dalle 19.30 alle 22, nelle principali vie dentro le mura venete considerate strategiche in termini di transito turistico, afflusso pedonale e presenza di attività commerciali. Le medesime vie saranno poi oggetto di un secondo passaggio di raccolta a partire dalle 23.