"Brescia Smart Living" a Shangai

"Brescia Smart Living" a Shangai

Inizia il 21 aprile e durerà fino al 23 la più grande Fiera della tecnologia dell'Oriente e tra le principali tappe mondiali per i professionisti del futuro. Si chiama CSITF, China Shanghai International Technology Fair e quella di quest'anno sarà la quarta edizione di questo salone promosso dai Ministeri del Commercio e della Scienza e Tecnologia di Pechino e dal Governo Municipale di Shanghai, diventato rapidamente un punto di riferimento in fatto di tecnologia per grandi contesti territoriali e urbani, ma anche per le politiche di sviluppo e le prospettive della ricerca applicata.
In questa edizione il focus sull'innovazione tecnologica e sulla ricerca scientifica è tutto orientato all'Italia, ospite d'onore e paese leader per il tema scelto, ovvero:  "Innovation driven development, intellectual property protection and technology trade promotion".
Di fronte agli oltre 900 espositori provenienti da più di 20 paesi, con un'agenda fitta che accompagnerà la delegazione italiana guidata dal Ministro Stefania Giannini e dal Ministro della Scienza e Tecnologia cinese Wan Gang e dal Sindaco Yang Xiong, compariranno team di 11 progetti ritenuti dal MIUR i più innovativi su fronti chiave dell'evoluzione "smart" urbana e nazionale, come la sicurezza, la salute, la gestione efficiente delle risorse energetiche, la mobilità integrata e le politiche urbane di inclusione, accessibilità e trasparenza.

Brescia Smart Living sarà rappresentato da alcuni tra i partner più significativi del progetto, sia per la parte di contenuti scientifici e ricerca (UniBS e ENEA) sia per le aziende partner (A2A e Cavagna Group). L'agenda di impegni vedrà sia appuntamenti istituzionali che momenti dedicati all'incontro con aziende internazionali, centri di ricerca cinesi e non solo, con le amministrazioni pubbliche e le autorità politiche, poiché la richiesta sempre più pressante da parte dei grandi contesti urbani non è solo quella di acquisire tecnologie e strumenti per l'innovazione, ma di cogliere e replicare i fattori efficaci per il coinvolgimento dei cittadini.

«Quello del progetto Brescia Smart Living è un obiettivo che non può che vederci uniti, poiché riunisce una strategia di efficienza energetica a infrastrutture tecnologiche ma anche e soprattutto ad aspetti chiave per la nostra città, come percorsi di informazione e formazione con le scuole e i quartieri e iniziative di tutela e cura delle persone più fragili. Insomma: BSL mette in campo la tecnologia davvero a servizio delle persone e delle comunità. È questa la smart city che immaginiamo per Brescia», dice il Vicesindaco Laura Castelletti. «Questo sarà anche il contributo che i partner porteranno a Shangai, dove gli sarà dato spazio sia per illustrare gli aspetti più tecnici, ma anche per raccontare il lavoro di preparazione al coinvolgimento dei cittadini. L'innovazione non è un processo ingegneristico, ma una visione che include consapevolezza, partecipazione e che soprattutto deve includere tutti, offrendo le tecnologie più adatte al contesto, all'età e alle possibilità di ogni cittadino. La smart city è un'evoluzione culturale dei territori urbani. Esiste una cultura d'innovazione che, per funzionare e portare benessere e crescita, deve contagiare l'informazione e l'impresa, la politica e l'amministrazione, la formazione e la scuola. La sfida vera è non lasciare indietro nessuno. Al di là dei numeri, delle tecnologie, dei fondi e dei progetti è questo il cuore del nostro percorso. Che merita di essere raccontato al mondo».

 In allegato i dettagli del progetto: