Puliamo la "Cimabue", i cittadini protagonisti

Puliamo la "Cimabue", i cittadini protagonisti
 

Prendersi cura del luogo in cui si vive può avere ricadute positive su tutta la comunità. Questo è il principio ispiratore di “Puliamo la Torre Cimabue”, l’iniziativa avviata il 12 settembre che l’amministrazione comunale ha messo in campo con la collaborazione delle associazioni del territorio. L’idea, innovativa, viene dalla pratica giapponese del “sojido”. I cittadini diventano protagonisti attivi e si adoperano nella pulizia e nella sistemazione del proprio quartiere.
“Puliamo la torre Cimabue” si pone l’obiettivo di dare vita a un gruppo di persone disponibili a prendersi cura del fabbricato, rinforzando i servizi esistenti e proponendo attività di carattere aggregativo e ludico per costruire legami sociali tra i residenti.
A seguito di un incontro preliminare con gli abitanti e le associazioni coinvolte, sono state raccolte le adesioni di una ventina di persone che si occuperanno di pulire il giardino e le parti esterne alla torre. Successivamente, i volontari tinteggeranno una porzione delle parti comuni (6/7 piani). L’auspicio è che queste iniziative di cittadinanza attiva diventino sempre più frequenti e vengano ripetute con cadenza fissa in base alle necessità del momento.
Alle operazioni di pulizia del parco di venerdì 12 settembre erano presenti il sindaco di Brescia Emilio Del Bono, l’assessore alla Rigenerazione urbana Valter Muchetti, il responsabile dell’ufficio Sicurezza Urbana commissario aggiunto Pietro Boccamazzo, il responsabile del servizio Sicurezza Urbana Luca Iubini, il presidente dell’Aler Ettore Isacchini, il consulente dell’assessorato alle Politiche per una città sicura Carlo Alberto Romano e il referente del Settore Movimento Brescia di Aprica Spa Andreino Ruggeri.  Collaborano al progetto A2A, Casa delle Associazioni, cooperativa sociale La rete, cooperativa sociale Aesse, cooperativa sociale Cauto, il gruppo Eva, l'associazione Fuji, Agesci/Scout Brescia 7, il circolo Acli San Polo, la Parrocchia S. Angela Merici e il nido MagicoMondo.

Documenti allegati alla pagina