Progetto "Segni sull'acqua"

Progetto "Segni sull'acqua"
 

Il Comune di Brescia ha presentato il progetto partecipato "Segni sull'acqua", con il quale l'amministrazione ha deciso di promuovere un progetto finalizzato alla riqualificazione della zona sud – est del territorio comunale, caratterizzato non solo dalla più estesa espansione edilizia residenziale del dopoguerra, dagli insediamenti produttivi e dal passaggio delle grandi infrastrutture della mobilità (tangenziale, autostrada e ferrovia), ma anche dalla presenza di bacini estrattivi come, ad esempio, cave di sabbia e ghiaia, la cui coltivazione è oggi in via di esaurimento, che hanno sostituito l'originaria destinazione agricola di tali aree.
Il recupero delle zone dove si trovano le cave può rappresentare il perno di un processo virtuoso di ricomposizione ambientale e paesaggistica, che ha l'obiettivo di restituire alla cittadinanza il valore costituito dall'ecosistema di pianura di questa parte di città. La ricomposizione e la restituzione all'uso collettivo di ciò che, da quarant'anni, è convenzionalmente chiamato "Parco delle Cave", è dunque lo scopo del processo di progettazione partecipata che l'amministrazione comunale, coerentemente con le linee di mandato, ha inteso avviare, dando nuovo impulso e concretezza a istanze che la stessa cittadinanza, attraverso organismi associativi e manifestazioni spontanee, ha espresso nel recente passato con intensità e passione.

Pertanto l'amministrazione comunale invita la cittadinanza:

  • a elaborare un progetto riguardante i percorsi ciclo pedonali e carrabili relativi all'intero Parco delle Cave;
  • a formulare proposte e orientamenti per la definizione di un perimetro del parco;
  • a intervenire nella progettazione di parte dell'area cave nella zona ovest – (Nuova Beton), definendo accessi, viabilità, percorsi e aree attrezzate, localizzazione e illustrazione di interventi specifici di rinaturalizzazione, di protezione e di salvaguardia ambientale.

 I cittadini sono invitati altresì a fornire indicazioni specifiche per quanto riguarda la messa in sicurezza, le recinzioni, l'illuminazione, i servizi per l'utenza, eventuali punti informativi e ambientali di accoglienza dei visitatori, attrezzature e iniziative correlate, proponendo un modello di gestione del parco e delle attività che saranno realizzate al suo interno.