Qualificazione dei servizi per la prima infanzia

Qualificazione dei servizi per la prima infanzia
 
 

AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA PROCEDURA DI RICONOSCIMENTO DA PARTE DEL COMUNE DI BRESCIA DEI REQUISITI DI QUALIFICAZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI SUL MODELLO DEI “TEMPI PER LE FAMIGLIE” GESTITI DA SOGGETTI DEL TERZO SETTORE SUL TERRITORIO DELLA CITTA’ DI BRESCIA -Approvato con determinazione n. 692 del 9.03.2017
 

1.FINALITA’ E OBIETTIVI
Il Comune di Brescia – Settore Servizi Educativi per l’Infanzia– Scuole dell’Infanzia e Asili Nido - intendesostenere e potenziare la rete dei servizi territoriali per la prima infanzia, anche attraverso la promozione di modelli di intervento sperimentali, fondati sulla condivisione fra famiglie e minori di spazi a valenza educativa e relazionale sul modello dei cosiddetti “Tempi per le Famiglie”.
Intende quindi sostenere, anche economicamente, i soggetti del Terzo Settore che, attraverso la propria azione, contribuiscono ad ampliare ed arricchire l’offerta per la prima infanzia rivolta alle famiglie bresciane, in una logica di ottimizzazione dell’uso delle risorse economiche pubbliche, nel rispetto dei principio di sussidiarietà e di valorizzazione della società civile e delle sue espressioni.
Il presente avviso è pubblicato al fine di garantire la massima trasparenza, conoscenza e partecipazione in tutte le fasi della procedura finalizzata alla “qualificazione” delle esperienze presenti sul territorio di Brescia, compreso il sostegno economico alle realtà valutate idonee.
 
2.SOGGETTI CHE POSSONO PRESENTARE DOMANDA
Possono presentare la domanda al fine del riconoscimento dei requisiti di qualificazione del servizio “Tempo per le Famiglie” e del conseguente percepimento delle forme di sostegno economico previste dal presenteavviso, i seguenti soggetti del Terzo Settore (come riportati nel punto 3.3 dell’Allegato alla deliberazione della Giunta Regionale n. 1353 del 25.02.2011 – Regione Lombardia):
 
  1.  le associazioni riconosciute disciplinate dagli artt. 14 e ss. del codice civile;
  2.  le fondazioni riconosciute disciplinate dagli artt. 14 e ss. del codice civile;
  3.  le associazioni non riconosciute disciplinate dagli artt. 36 e ss. del codice civile;
  4.  le cooperative di cui al libro V, titolo VI, limitatamente alle cooperative sociali e alle cooperative ONLUS;
  5.  le società di cui al libro V, limitatamente alle imprese sociali di cui al D.Lgs 155/2006 «Disciplina dell’impresa sociale, a norma della legge 13 giugno 2005, n. 118»;
  6. le organizzazioni di volontariato disciplinate dalla legge 11.8.1991, n. 266;
  7.  le associazioni, iscritte nei registri provinciali e regionali, non disciplinate dall’art. 2, primo comma, della legge 7.12.2000, n. 383;
  8. le associazioni di promozione sociale disciplinate dall’art. 2, primo comma, della legge 7.12.2000, n. 383;
  9. le cooperative sociali disciplinate dalla legge 8.11.1991, n. 381;
  10. gli enti ecclesiastici cattolici disciplinati dalla legge 20.5.1985, n. 222;
  11. gli enti religiosi di altre confessioni;
  12. gli istituti di patronato disciplinati dalla legge 30.3.2001 n. 152;
  13. le associazioni, fondazioni e cooperative iscritte all’anagrafe delle ONLUS.
 
3.PERIODO DI RIFERIMENTO, ISTRUTTORIA E VALUTAZIONE DELLE DOMANDE
La qualificazione del servizio, eventualmente ottenuta, avrà validità fino al permanere dei requisiti minimi richiesti e qui riportati nell’Allegato Ae comunque fino a che i requisiti stessi non vengano modificati dalla Giunta Comunale. Le domande pervenute entro i termini previsti dal presente avviso saranno oggetto delle seguenti fasi istruttorie:
 
Istruttoria formale
L’istruttoria formale consentirà di verificare l’ammissibilità delle domande rispetto alle condizioni del presente avviso:
  • completezza della documentazione;
  • possesso dei requisiti minimi richiesti per la qualificazione del servizio;
  • presenza di elementi migliorativi rispetto ai requisiti minimi richiesti, da valutarsi in una fase successiva ai fini della quantificazione del contributo da assegnare (scheda tecnica).
 
A seguito dell’istruttoria formale i servizi potranno risultare:
  • qualificati e ammessi a contributo;
  • non qualificati.

Istruttoria di merito

Ciascun servizio ammesso all’istruttoria di merito e quindi qualificato,dovrà evidenziare i seguenti eventuali elementi migliorativi ai fini della successiva quantificazione del contributo a sostegno del funzionamento dell’unità d’offerta:

Elementi di valutazione

Quantificazione contributo
L’entità del contributo destinato a ciascun servizio qualificato, verrà determinata con successivo apposito atto di Giunta Comunale, con riferimento al numero di domande pervenute, al punteggio assegnato da una commissione appositamente costituita per la valutazione degli elementi migliorativi dichiarati nella scheda tecnica e al budget messo a disposizione dall’Amministrazione per il sostegno alla rete dei servizi sperimentali per la prima infanzia sul modello dei “Tempi per le famiglie”, secondo il principio della proporzionalità.
 
Comunicazione dell’esito
L’istruttoria delle domande pervenute sarà terminata entro 60 giorni dalla data di scadenza dell’invito.
Ciascuna soggetto del Terzo Settore potrà presentaretante domande di qualificazione/contributo quanti sono i servizi innovativi, sul modello dei “Tempi per le famiglie”, che gestisce e/o che intende gestire a partire dal’anno educativo 2017/2018.
4.MODALITA’ DI EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI, CONTROLLI E DECADENZA
La qualificazione dei servizi in possesso dei necessari requisiti resterà valida fino al permanere degli stessi e/o fino a che la Giunta Comunale non riterrà di modificare i requisiti medesimi.
Il contributo eventualmente concesso per il primo anno educativosarà liquidato in tre rate di uguale importo di cui la primaentro il 31 ottobre2017, previa sottoscrizione dell’Accordo con il Comune (Allegato C al presente Avviso), la seconda entro il 31 dicembre e la terza, a saldo, entro il 31 luglio 2018.
Il Comune di Brescia si riserva di effettuare verifiche su quanto dichiarato dai soggetti qualificati; a tal fine questi ultimi si impegnano a garantire al personale comunale l’accesso alle strutture e a tenere a disposizione  – in originale – tutta la documentazione tecnica, amministrativa e contabile eventualmente richiesta ai fini dell’effettuazione delle verifiche stesse.
I benefici economici riconosciuti ai fini del seguente avviso potranno essere revocati e/o rideterminati proporzionalmente, previa comunicazione agli interessati, nei seguenti casi:
 
  1. a seguito del venir meno dei requisiti di qualificazione inizialmente posseduti;
  2. a seguito di riduzione/sospensione del servizio per un periodo superiore a mesi 1 (escluso il periodo estivo);
  3. in caso di riduzione del numero di giorni e/o ore di apertura, nella misura del 30% e oltre, rispetto a quanto dichiarato in sede di qualificazione;
  4. qualora, dai dati relativi alle frequenze giornaliere e a quanto riscontrato nelle verifiche sul campo, risultasse un numero medio inferiore nella misura del 30% e oltre, rispetto a quanto dichiarato in sede di qualificazione;
  5. in caso di mancata presentazione di eventuale documentazione richiesta dal Comune in fase di verifica dei requisiti.
 La consegna della documentazione di cui al successivo art. 5 costituisce invece condizione necessaria per ottenere la liquidazione del contributo eventualmente concesso.
 
5. DEBITO INFORMATIVO
Al fine di poter disporre delle informazioni necessarie per un’opportuna valutazione dei servizi il Comune predisporrà apposita modulistica che dovrà essere restituita compilata da ciascun Ente Gestore, nei tempi e con le modalità specificate dal Comune stesso.
In particolare i dati richiesti riguarderanno:
 
  • progetto di servizio;
  • elenco iscritti al servizio;
  • elenco e qualifica del personale impiegato, compresi eventuali volontari;
  • frequenze giornaliere (bambini e adulti);
  • età e provenienza dei frequentanti;
  • numero dei ritiri (se possibile anche ragioni);
  • relazione annuale sul funzionamento del servizio;
  • customer satisfaction.
  
6.INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del D.Lgs 196/2003, si informa che il trattamento dei dati personali forniti o acquisiti è finalizzato a quanto richiesto nel presente avviso ed avverrà presso il Comune di Brescia, Settore Servizi Educativi per l’Infanzia, con l’utilizzo di procedure anche informatiche, nei modi e nei limiti necessari per perseguire le predette finalità, anche in caso di eventuale comunicazione a terzi per i necessari controlli. Il conferimento dei dati è obbligatorio. La mancata comunicazione dei dati può comportare l’impossibilità di concedere quanto richiesto.

7. MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE E TERMINI
Le richieste di qualificazione dei servizi di cui al presente Avviso dovranno essere presentate utilizzando esclusivamente l’allegato modello entro le ore 12.00 del 28.04.2017, con le seguenti modalità:

  • consegna a mano allo Sportello del Settore Servizi per l’Infanzia, Piazza Repubblica n. 1nei seguenti giorni ed orari: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 15.30;
  • via fax al n. 030 2978706,con copia del documento d’identità del legale rappresentante;
  • per posta elettronica certificata al seguente indirizzo: primainfanzia@pec.comune.brescia.it
Informazioni
Sul sito internet: www.comune.brescia.it è possibile consultare il presente avviso e scaricare i moduli per la presentazione delle domande.
Per ulteriori informazioni e/o approfondimenti si invita a scrivere preferibilmente all’indirizzo e-mail: primainfanzia@comune.brescia.it
 
Responsabile unico del procedimento: Dott.ssa Anna Maria Finazzi–Dirigente Settore Servizi per l’infanzia – Scuole dell’Infanzia e Asili nido.

Brescia, 13 marzo 2017    
 
                                                                                                                                                        Il Responsabile
                                                                                                                                             SettoreServizi per l’Infanzia
                                                                                                                                         Scuole dell’Infanzia e Asili Nido
                                                                                                                                             Dott.ssa Anna Maria Finazzi