garante dei detenuti

garante dei detenuti
 

“Il livello di civiltà di un Paese si misura osservando la condizione delle sue carceri”
                                                                                   Feodor Dostoevskij

Dalla Costituzione Italiana

“La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale” (art. 2)
“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” (art. 3)
…. “È punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà” … (art.13)
… “L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva.
Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato” … (art.27)


ATTIVITA’ E PROGETTI

Documenti allegati alla pagina