acconciatori

acconciatori
​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​

Descrizione attività
L'attività di acconciatore comprende tutti i trattamenti e i servizi volti a modificare, migliorare, mantenere e proteggere l’aspetto estetico dei capelli, ivi compresi i trattamenti tricologici complementari che non implichino prestazioni di carattere medico, curativo o sanitario, nonché il taglio e il trattamento estetico della barba e ogni altro servizio inerente o complementare.
Nell'attività sono, inoltre, comprese le prestazioni semplici di manicure e pedicure estetico, limitatamente a taglio, limatura e laccatura delle unghie. Non è prevista alcuna distinzione fra le attività di acconciatore per uomo o per donna.
REQUISITI NECESSARI PER L’ESERCIZIO DELL’ATTIVITÀ:

Requisiti soggettivi
Per svolgere l’attività è necessario:
- possedere i requisiti previsti dalla normativa antimafia e i requisiti professionali previsti dal Regolamento Regionale 28/11/2011, n. 6 e s.m.i. e dalla Legge 17/08/2005, n. 174.
- designare almeno un responsabile tecnico, in possesso dei requisiti professionali, per ogni sede dell'impresa dove viene esercitata l'attività di acconciatura (articolo 3 della Legge 17/08/2005, n. 174). Il ruolo di responsabile può essere svolto da: il titolare, un socio partecipante al lavoro, un familiare aiutante o un dipendente dell'impresa.
Per le imprese artigiane che svolgono l’attività in una sola sede, il responsabile tecnico deve essere il titolare per le imprese individuali, uno o più soci partecipanti al lavoro per le società.   
Il responsabile tecnico deve essere costantemente presente nell’esercizio negli orari di apertura e svolgimento dell'attività e verrà iscritto nel Repertorio delle notizie Economico-Amministrative (REA) contestualmente alla trasmissione della SCIA.
In caso di malattia o temporaneo impedimento del responsabile tecnico, il titolare dell’esercizio deve designare un sostituto, munito di idonea abilitazione professionale, il quale è soggetto all’obbligo di cui sopra.
Sia nel caso di impresa artigiana esercitata in forma di società, anche cooperativa, che nel caso di imprese commerciali, tutti i soci ed i dipendenti che esercitano professionalmente l'attività devono essere in possesso della qualificazione professionale.

tabella requisiti professionali
tipo impresatitolare dei requisiti
ditta individuale

il titolare in caso di impresa artigiana;

il titolare o il direttore tecnico in caso di impresa commerciale;

società iscritta all'artigianato

almeno un socio partecipante all'attività se la società è composta da 2 soci;

dalla maggioranza dei soci negli altri casi (art. 5 L. 443/1985) 

impresa commercialeil direttore tecnico


 

Requisiti oggettivi
I locali dove si svolge l’attività devono avere una destinazione d’uso compatibile con quella prevista dal piano urbanistico comunale.
Devono essere rispettate le norme e le prescrizioni specifiche dell’attività, per esempio quelle in materia di urbanistica, igiene pubblica, igiene edilizia, tutela ambientale, tutela della salute nei luoghi di lavoro, sicurezza alimentare, regolamenti locali di polizia urbana annonaria.
Devono essere soddisfatti i requisiti igienico-sanitari e di sicurezza previsti dall'Allegato 1 del Regolamento Regionale 28/11/2011, n. 6 e s.m.i. 

Luogo di svolgimento dell’attività
Prima di inoltrare segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) è necessario verificare l’idoneità dei locali rivolgendosi allo Sportello Edilizia del Comune di Brescia (Ufficio tecnico di turno).
L'attività di acconciatore può essere svolta esclusivamente in locali rispondenti alle vigenti norme urbanistiche, edilizie e sanitarie e dotati di specifica destinazione d'uso.
Non è ammesso lo svolgimento dell'attività di acconciatore in forma ambulante o con l'utilizzo di posteggio su area aperta al pubblico.
Le imprese titolate all'esercizio dell'attività di acconciatore in sede fissa possono esercitare l'attività anche presso la sede designata dal cliente in caso di sua malattia o altro impedimento fisico oppure, nel caso in cui il cliente sia impegnato in attività sportive, in manifestazioni legate alla moda o allo spettacolo o in occasione di cerimonie o di particolari eventi fieristici o promozionali.
E' fatta salva la possibilità di esercitare l'attività di acconciatore nei luoghi di cura o di riabilitazione, di detenzione e nelle caserme o in altri luoghi per i quali siano stipulate convenzioni con i relativi soggetti pubblici.
L'attività di acconciatore può essere esercitata anche presso il domicilio dell'esercente a condizione che i locali utilizzati dispongano dei requisiti previsti dalla vigente normativa in materia di urbanistica, igiene, sanità e sicurezza e siano dotati di ingressi e servizi igienici autonomi e in regola con le vigenti normative.
L’esercente l’attività di acconciatore può consentire l’utilizzo dei propri spazi ad acconciatori ed estetisti, in possesso dei prescritti titoli abilitativi, mediante il contratto di affitto di poltrona o di cabina. Nel caso in cui gli spazi siano utilizzati da estetisti, tali spazi devono rispettare i requisiti igienico sanitari previsti dal regolamento regionale 5/2016 per i locali in cui si svolge l’attività di estetista ed entrambe le attività dovranno presentare idonea e separata istanza.

        
Vendita di prodotti inerenti ai servizi effettuati
Nei locali utilizzati per l’esercizio dell’attività di acconciatore possono essere venduti parrucche, beni accessori e prodotti cosmetici in confezione originale, purché strettamente inerenti allo svolgimento dell’attività stessa. In tal caso non trovano applicazione le disposizioni previste dal d.lgs. 114/1998 e dal d.lgs. 59/2010 e non sono, quindi, necessari specifici titoli abilitativi.

 Attività congiunta di estetista
E’ ammesso l'esercizio congiunto delle attività di acconciatore e di estetista, anche mediante il contratto di affitto di poltrona o di cabina, nel rispetto delle rispettive qualificazioni professionali e dei requisiti igienico sanitari, nonché delle procedure amministrative relative all’attività.

Procedure per l'esercizio dell'attività

Tutti gli adempimenti relativi all’attività di acconciatore devono essere presentati, per via telematica sul portale camerale ‘www.impresainungiorno.gov.it” (D.P.R. 160/2010) secondo le indicazioni riportate di seguito.
 
Apertura
Documentazione da presentare per l'inizio dell'attività, o per la modifica di sede, locali, ciclo produttivo, aspetti merceologici, ecc.

Modulo:
SCIA – Segnalazione Certificata di Inizio Attività per l’esercizio dell’attività di acconciatore o estetista (Sez. I, Tabella A, D.lgs. 222/2016)

Allegati:
- Procura e copia del documento di identità del soggetto che conferisce la procura speciale (nel caso di segnalazione/comunicazione non sottoscritta digitalmente dal dichiarante);
- dichiarazioni sul possesso dei requisiti da parte degli altri soci;
- dichiarazione sul possesso dei requisiti da parte del responsabile tecnico per attività di acconciatore - (in presenza di un responsabile tecnico diverso dal dichiarante);
- planimetria aggiornata (in scala 1/100) con timbro e firma di un tecnico abilitato e indicazione della via del numero civico e del committente, che specifichi la destinazione d’uso dei singoli locali (con disposizione di arredi ed attrezzature), la superficie degli stessi, il calcolo dei rapporti aero-illuminanti (R.A./R.I.) e le sezioni con relative altezze e quote rispetto al livello stradale;
- Relazione descrittiva delle caratteristiche dei locali medesimi, della loro localizzazione e attrezzatura utilizzata per il servizio;
- Dichiarazione relativa all’accessibilità dello spazio di relazione (barriere architettoniche - DM 236/1989  punto 5.5) sia che siano state eseguite opere edilizie (allegando la relativa documentazione) sia che non vi siano state opere;
- documentazione atta a comprovare la disponibilità dei locali (contratto d’affitto registrato, preliminare, atto di proprietà, ecc.); 
- comunicazione degli orari di apertura nel rispetto dell'ordinanza vigente (pubblicata sul sito del Comune di Brescia nelle pagine del SUAP, nella sezione "normativa e regolamenti/normativa comunale"): dal lunedì al sabato fascia oraria consentita dalle ore 8.00 alle ore 22.00 con obbligo di chiusura domenicale, ad eccezione dei centri esclusivi o prevalenti di abbronzatura-solarium i quali possono operare anche in queste giornate;
- Ricevuta di pagamento diritti sanitari all'ATS di Brescia v. tariffario ATS in vigore dal 1 agosto 2016;

- Protocollo di disinfezione, sanificazione e sterilizzazione dei locali e delle attrezzature come stabilito  dall'allegato 1 del regolamento n. 5 del 22/03/2016 e recepito dal Regolamento del Comune di Brescia n. 32 del 4/05/2017;  


Modifiche e trasferimento dell’attività
Ogni modifica dei locali dovrà essere preventivamente segnalata mediante apposita SCIA che il SUAP provvederà a trasmettere agli enti competenti per le relative istruttorie.
Coloro che intendono trasferire la sede dell'attività in altro locale del territorio comunale, dovranno presentare, per via telematica, una segnalazione certificata di inizio attività (S.C.I.A.) allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del Comune in cui si esercita l'attività stessa secondo le modalità indicate dal portale telematico comunale.


Subingresso
E’ ammesso il subentro nella titolarità di un’attività di acconciatore; il subentrante deve presentare, per via telematica, una COMUNICAZIONE di subentro al SUAP del Comune in cui si esercita l'attività stessa secondo le modalità indicate dal portale telematico comunale, ai sensi del DLgs 222/2016; oltre alla documentazione prevista per l’avvio dell’attività andrà allegata copia dell’atto notarile di cessione dell'azienda (o riferimenti di registrazione).
In caso di decesso del titolare, gli aventi diritto possono proseguire l’attività fino al massimo di un anno senza l'accertamento della qualificazione professionale, purché l'attività venga svolta da personale qualificato. Decorso il citato periodo l'attività dovrà essere cessata, salvo che uno dei legittimi eredi non comprovi di essere in possesso dei requisiti richiesti dall'art. 3 della Legge 174/2005.

Modulo:
Comunicazione per il subingresso in attività

Allegati:
- Procura e copia del documento di identità del soggetto che conferisce la procura speciale (nel caso di segnalazione/comunicazione non sottoscritta digitalmente dal dichiarante);
- dichiarazione sul possesso dei requisiti da parte degli altri soci
- dichiarazione sul possesso dei requisiti da parte del responsabile tecnico per attività di acconciatore (in presenza di un responsabile tecnico diverso dal dichiarante);
- copia dell’atto notarile o dichiarazione del notaio sull’atto in corso di registrazione;
- comunicazione degli orari di apertura nel rispetto dell'ordinanza vigente (pubblicata sul sito del Comune di Brescia nelle pagine del SUAP, nella sezione "normativa e regolamenti/normativa comunale"): dal lunedì al sabato fascia oraria consentita dalle ore 8.00 alle ore 22.00 con obbligo di chiusura domenicale, ad eccezione dei centri esclusivi o prevalenti di abbronzatura-solarium i quali possono operare anche in queste giornate;
- Ricevuta di pagamento diritti sanitari all'ATS di Brescia v. tariffario ATS in vigore dal 1 agosto 2016;

Variazione del responsabile tecnico

Modulo:
Comunicazione modifica responsabile tecnico

Allegati:
- Procura e copia del documento di identità del soggetto che conferisce la procura speciale (nel caso di segnalazione/comunicazione non sottoscritta digitalmente dal dichiarante);
- dichiarazione sul possesso dei requisiti da parte del responsabile tecnico per attività di acconciatore (in presenza di un responsabile tecnico diverso dal dichiarante).

Cambiamento di ragione sociale, modifica della compagine sociale o dei soggetti titolari dei requisiti morali.

Modulo:
SCIA per variazione soggetti in attività di acconciatore

Allegati:
- Procura e copia del documento di identità del soggetto che conferisce la procura speciale (nel caso di segnalazione/comunicazione non sottoscritta digitalmente dal dichiarante);
- dichiarazioni sul possesso dei requisiti da parte degli altri soci.


Cessazione, sospensione temporanea e ripresa dell'attività

L'attività di acconciatore può essere sospesa, per un periodo di un anno, eventualmente prorogabile per un ulteriore anno, previa comunicazione al SUAP del comune in cui si esercita l'attività stessa. Al termine dell'anno di proroga sono concessi all'impresa sessanta giorni entro i quali comunicare la ripresa o la cessazione dell'attività. Se il termine di sessanta giorni decorre inutilmente, l'attività di impresa si considera cessata.

 La cessazione dell'attività è soggetta a comunicazione ai sensi dell'articolo 6 della legge regionale 19 febbraio 2014 n. 11 'Impresa in Lombardia: per la libertà d'impresa, il lavoro e la competitività.

 Modulo:
Comunicazione di cessazione o sospensione temporanea dell’attività.

Allegati:
- Procura e copia del documento di identità del soggetto che conferisce la procura speciale (nel caso di segnalazione/comunicazione non sottoscritta digitalmente dal dichiarante);


 

Normativa di riferimento 
Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Brescia

Circolare (Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Brescia) 8-10-2012, n. 38/2012

Semplificazioni e abrogazioni - Prime indicazioni operative (disposizioni integrative e correttive del d.lgs. 59/10 recante attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno).

Circolare (Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Brescia) 10-6-2010, n. 242

Attività di acconciatore/estetista: competenza comunale.

 

 Azienda Sanitaria Locale Brescia

Deliberazione (Azienda Sanitaria Locale Brescia) 28-1-2011, n. 47

ASL di Brescia - Deliberazione D.G. n. 565 del 23.11.2010 relativa al Regolamento Locale d'Igiene: riformulazione dell'allegato "A"

 

Regione Lombardia

Legge regionale (Regione Lombardia) 27-2-2012, n. 3

Disposizioni in materia di artigianato e commercio e attuazioni della Direttiva 2006/123/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 dicembre 2006 relativa ai servizi nel mercato interno. Modifiche alle leggi regionali 30 aprile 2009, n. 8 (Disciplina della vendita da parte delle imprese artigiane di prodotti alimentari di propria produzione per il consumo immediato nei locali dell'azienda)(1) e 2 febbraio 2010, n. 6 (Testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere).

Regolamento Regionale (Regione Lombardia) 28-11-2011, n. 6

Disciplina dell’attività di acconciatore in attuazione dell’art. 21 bis della legge regionale 16 dicembre 1989, n. 73 «Disciplina istituzionale dell’artigianato lombardo».

Determinazione dirigenziale (Regione Lombardia) 30-7-2008, n. 8506

Adozione del percorso formativo per l'abilitazione all'esercizio della professione di acconciatore, ai sensi della legge 174/05 «Disciplina dell'attività di acconciatore»

 

Stato Italiano

Decreto legge 31-1-2007, n. 7

Misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attivita' economiche e la nascita di nuove imprese.

Legge 17-8-2005, n. 174

Disciplina dell'attività di acconciatore

Legge (Stato Italiano) 29-10-1984, n. 735

Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunita' europee n. 82/489 del 19 luglio 1982 comportante misure destinate ad agevolare l'esercizio effettivo del diritto di stabilimento e di libera prestazione dei servizi dei parrucchieri.

Legge (Stato Italiano) 14-2-1963, n. 161

Disciplina dell'attivita' di barbiere, parrucchiere ed affini.

 

Ministero dello sviluppo economico

Parere ministeriale (Ministero dello sviluppo economico) 8-3-2016, n. 65416

Attività di barbiere. Riconoscimento dei requisiti professionali.

Parere ministeriale (Ministero dello sviluppo economico) 11-2-2015, n. 19468

Esercizio nella medesima sede delle attività di acconciatore ed estetista.

Parere ministeriale (Ministero dello sviluppo economico) 2-2-2015, n. 13472

Attività di acconciatore e di estetista. Presenza del responsabile tecnico.

Parere ministeriale (Ministero dello sviluppo economico) 20-1-2015, n. 6678

Attività di acconciatore. Nomina del responsabile tecnico.

Parere ministeriale (Ministero dello sviluppo economico) 27-10-2014, n. 188379

Parere su avvio attività di acconciatore.

Circolare ministeriale (Ministero dello sviluppo economico) 31-1-2014, n. 16361

Contratto di “affitto di poltrona” e di “affitto di cabina” per le attività di acconciatore ed estetista.