Come presentare istanza telematica al SUAP

Come presentare istanza telematica al SUAP
 

​Il Servizio Sportello Unico per le Imprese svolge le funzioni attribuite al SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) favorisce l'azione di semplificazione amministrativa, mediante l'accoglimento di istanze, segnalazioni, dichiarazioni con riguardo alla maggior parte dei procedimenti amministrativi relativi all'avvio, allo svolgimento, alla trasformazione ed alla cessazione di attività produttive e di prestazioni di servizi.

Per attività produttive si intendono tutte le attività di produzione di beni e servizi, incluse le attività agricole, commerciali ed artigianali, le attività turistico-alberghiere, i servizi resi dalle banche e dagli intermediari finanziari ed i servizi di telecomunicazione.

​Le pratiche di competenza del Settore SUAP del Comune di Brescia  e le pratiche AUA (Autorizzazione Unica Ambientale) dovranno essere presentate esclusivamente in forma telematica tramite il portale SUAP di impresainungiorno.gov.it. 

soluzioneComune.gif

clicca sull'immagine o qui per accedere al portale SUAP - una soluzione in Comune

​I documenti da presentare, compresi gli allegati, dovranno essere tutti firmati digitalmente dal titolare dell’attività o dal soggetto preposto a presentare la documentazione; in quest’ultimo caso il titolare dovrà presentare procura del potere di firma, cosi’ come tutti i soggetti in qualità di soci o amministratori di società, associazioni e organismi collettivi.
 
Possibilità di pagamento online tramite il Portale www.impresainungiorno.gov.it. nel caso sia previsto il versamento di oneri.
 
Ai sensi della L.241/1990 e s.s.m.i. l’attività può essere iniziata dalla data di presentazione della SCIA all’amministrazione competente.
 
L’amministrazione competente, in caso di accertata carenza dei requisiti e presupposti, nel termine di 60 giorni dal ricevimento della SCIA  adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa.
Qualora sia possibile conformare l’attività intrapresa e i suoi effetti, l’amministrazione competente con atto motivato, invita il privato a provvedere, prescrivendo le misure necessarie, con la fissazione di un termine non inferiore a 30 giorni, per le adozioni di quest’ultime. In difetto di adozione delle misure delle stesse, decorso il suddetto termine, l’attività s’intende vietata.

Prima di procedere all’apertura di un’attivita’ consultare le norme del  vigente PGT  per verificare l’ammissibilita’ dell’insediamento nella zona interessata.

 

Documenti allegati alla pagina