Pero corvino

Pero corvino
pero_corvino_sm
TemiDescrizioni
FamigliaRosaceae
Nome scientificoAmelanchier ovalis
Identificazione

Arbusto alto non più di tre metri con rami bianchi assai nodosi; le foglie abbondanti, sono grandi e di forma rotondeggiante, vellutate nella parte superiore e seghettate ai margini. Col tempo invece diventano totalmente lisce.

Crescita e longevità
Legno
EcologiaCresce spontaneo in zone collinose, ripide, sassose, calcaree e assai soleggiate.
Fiori

Ascellari compaiono in primavera, sono colorati leggermente in rosa e portati dal calice verde; questi hanno il loro completo svi-luppo in estate.

Frutti

Nascono verso la fine di agosto: dapprima verdi e a completa maturazione di color bruno nerastro (da ciò il nome volgare di pero corvino), a forma di una piccola nespola, attaccati ad un peduncolo consistente rivolto in alto, nella parte superiore strozzati ricordando la forma di una pera; ricchi di una polpa scura talmente dolciastra da renderIi quasi disgustosi per l'eccesso di glucosio.

Propagazione
Interesse

E' possibile un eventuale futuro impiego della polpa, per temperare eccessiva acidità od acerbità di altra frutta, onde ottenere così marmellate gradevoli, senza aggiunta ulteriore di zucchero.

DistribuzioneIn Italia è presente su tutto il territorio.
Impieghi

I frutti si possono consumare freschi, senza abusarne, oppure sotto forma di conserve; un tempo utilizzati per produrre una bevanda alcolica.

Curiosità

Il nome del genere è di evidente origine greca da meles= melo e anchein = strozzare, per il sapore ributtante del frutto prima della maturazione.

Ritorna all'elenco delle specie arbustive

Documenti allegati alla pagina