Pino marittimo

Pino marittimo
pino_marittimo 

​Temi​
Descrizioni​
​Famiglia
Pinacee
​Nome scientifico
Pinus pinaster 
​Identificazione​​​
​​Albero alto 20-40 m, tronco slanciato, diritto o incurvato a sciabola. Chioma è inizialmente piramidale, poi tondeggiante. Rami poco robusti, corteccia spessa, fessurata profondamente, di colore violaceo in superficie, rossastro in profondità. Foglie sono lunghe fino a 20 cm, più scure e più rigide di quelle del pino domestico. 
​Ecologia
Tollera benissimo ogni tipo di terreno, ma predilige i suoli silicei o siliceo-argillosi.
​Fiori
Maschili tondeggianti e gialli, femminili più allungati e di colore giallastro soffuso di viola, in entrambi i casi posti all'estremità dei rami.
​Frutti
Pigne molto vistose, lunghe 10-20 cm, larghe 5-7, conico-ovoidali, distribuite lungo i rami o sul fusto, perpendicolari ai rami stessi, in coppie o in gruppi più numerosi. Semi lunghi 1 cm. La maturazione inizia dopo il decimo anno di vita della pianta e dura un anno o due. 
​Interesse
Molto resistente alla salsedine, è impiegato per formare fasce frangivento a protezione delle colture e delle pinete di pino domestico.
​Distribuzione
E' il meno marittimo dei pini mediterranei: si spinge abbastanza profondamente nell'entroterra, si trova anche in zone collinari fino a 650-700 m.
​Impieghi
Il legno si usa per costruzioni navali, imballaggi e per la produzione di cellulosa. Fornisce un'ottima resina.


ritorna all'elenco delle specie arboree


Documenti allegati alla pagina