Leccio

Leccio
leccio 
​Temi​
Descrizioni​
​Famiglia
Fagaceae
​Nome scientifico
Quercus ilex
​Identificazione​​​
​​Albero alto sino a 15-20 m o anche arbusto cespuglioso di pochi metri d'altezza. Chioma densa e tondeggiante, tronco poco slanciato, corteccia grigia, dapprima liscia e quindi minutamente screpolata.  Foglie ovato-oblunghe (2-9 cm di lunghezza), coriacee, lucide superiormente e abbondantemente pelose sulla pagina inferiore, margine intero oppure denticolato. Persistono sui rami per 3-4 anni. 
​Legno
Duro e di facile imbracatura.
​Ecologia
Raramente in boschi puri, spesso associata a sughere, pini d'Aleppo, pini domestici e marittimi, roverelle, cerri e ornielli.
​Fiori
Maschili e femminili presenti sulla stessa pianta. I primi formano amenti penduli; i secondi sono isolati o riuniti a due a due all'interno di un calice rudimentale.
​Frutti
Ghiande ovoidali, talvolta terminanti in un pro-lungamento appuntito chiamato mucrone; per un terzo o per metà della loro lunghezza protette da una "cupola" foggiata a ciotola.
​Interesse
Le ghiande si impiegano nell'alimentazione del bestiame, in particolare dei maiali; la corteccia fornisce tannini.
​Distribuzione
Pianta tipicamente mediterranea, presente in Italia nelle Isole e lungo quasi tutti i litorali, soprattutto quello tirrenico, penetrando abbondantemente in Toscana, Abruzzo e Umbria. Piccole "isole" nell'Italia settentrionale, intorno ai laghi e nelle valli più tiepide. Si spinge dal livello del mare fin versa i 600 m, raggiungendo i 1.000 nella fascia prealpina del lago di Garda. 
​Impieghi
Si usa soprattutto come materiale da combustione.
​Curiosità
upa e impenetrabile, fitta mistero: la Ciminia Silva, la più celebre foresta di leccio dell'antichità, segnò per lungo tempo il limite dell'espansione Romana in Etruria, finché il console Fabio Massimo Rulliano non l'attraversò con il suo esercito nel 310 A.C. Oggi ne sopravvivono solo pochi lembi.


ritorna all'elenco delle specie arboree


Documenti allegati alla pagina