Acero di monte

Acero di monte
acero_di_monte
TemiDescrizioni
FamigliaAceraceae
Nome scientificoAcer pseudoplàtanus
IdentificazioneBell' albero alto 20-30 (40) m, con tronco dritto, alto, poco ramoso, a corteccia grigia, liscia e opaca, che poi si sfalda in placche irregolari verso i 30-40 anni. Sistema radicale vigoroso. Rami lunghi, dritti, chioma sferico-allungata, espansa in alto (diametro 8-10 m). Foglie a lamina palmata, con cinque lobi.
Crescita e longevitàCresce rapidamente, raggiunge in 5-6 anni altezze di 2-3 metri, con media velocita' fino a 40 anni; massimo sviluppo intorno a 100. Ceppaie nel ceduo robuste e vitali con polloni abbondanti e vigorosi di buona produzione legnosa. Vive facilmente fino 150-200 anni, eccezionalmente arriva ai 5 secoli.
LegnoGiallognolo-biancastro o avorio, pressoche' indifferenziato, anelli regolari, visibili, compatto e omogeneo, facilmente lavorabile, mediamente duro e pesante, durevole all'asciutto.
EcologiaAma terreni freschi e profondi; si accompagna, oltre che al faggio, all'abete rosso nei boschi montani
FioriPiccoli e giallo-lucenti, raccolti in amenti apicali. Fioritura: aprile-maggio, compaiono con le foglie.
FruttiDoppie samare con ali divergenti che formano un angolo di circa 90 gradi. Maturazione: settembre-ottobre.
PropagazioneSi moltiplica facilmente per seme (facolta' germinativa 50-80%).
InteresseBuona importanza forestale e ornamentale. Notevole interesse apistico; le foglie sono eccellente foraggio. Le radiche sono pregiate per la loro marezzatura e all' inizio del secolo erano molto ricercate per farne delle belle e insolite tabacchiere. 
DistribuzioneIn Italia e' presente nei boschi montani da 500 a 1500 m. lungo le regioni dell' arco alpino, dell' Appennino centro-settentrionale. Nella nostra provincia cresce spontaneo nell' area collinare, submontana e montana.
ImpieghiSi alleva ad alto fusto oppure a ceduo con turni di 8-12 anni, ogni 3-4 anni si capitozza. Impiego nella falegnameria fine per mobili e arredamento da interni, stecche da biliardo, fondi e parti varie di strumenti musicali ad arco (specialmente violini), lavori al tornio, intarsio, oggetti vari da cucina. E’ un ottimo combustibile e brucia in fretta.
Curiosità

In realtà il vero sicomoro, albero spesso citato nelle Sacre scritture e caro a poeti e romanzieri e' il Ficus sicomorus L., albero dell' Arabia e dell' Egitto. 

Ritorna all'elenco delle specie arboree

Documenti allegati alla pagina