I 30 anni di "No Frontiere"

I 30 anni di "No Frontiere"

Dal 25 al 27 settembre si svolgerà “Trent’anni in tre giorni”, evento organizzato per festeggiare il 30° compleanno della Polisportiva Bresciana No Frontiere Onlus, promuovere la sua attività, ringraziare chi ha sostenuto l’impegno e gli sforzi dell’associazione e fare il punto della situazione su necessità, novità e sfide per il futuro. Sarà un’occasione per condividere i successi e lo spirito volontaristico di “No Frontiere”, che dal 1985 avvicina allo sport (soprattutto il nuoto) adulti e minori con disabilità fisica, a prevalenza fisica, o intellettivo-relazionale.

L’iniziativa è patrocinata da Comune di Brescia, Comune di Borgosatollo e Provincia di Brescia. Il convegno “Disabilità, sport e ingegneria”, che si terrà in collaborazione con l’Università degli Studi di Brescia nella mattina del 25 settembre, è sostenuto da Asl Brescia e Anmil (Associazione Nazionale Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro).

La Polisportiva Bresciana No Frontiere promuove la preparazione tecnica e la pratica agonistica di persone diversamente abili, in particolar modo nelle discipline natatorie. “No Frontiere” ha coinvolto negli anni diverse centinaia di persone tra tecnici, atleti e volontari e, a oggi, conta una cinquantina di atleti tesserati di tutte le età. Dalle Paralimpiadi di Pechino a quelle londinesi passando per gli europei di Eindhoven e i mondiali di Montréal e Glasgow, molte sono le competizioni in cui i nostri nuotatori si sono messi alla prova con ottimi risultati, diventando così un esempio da seguire per numerosi altri giovani sportivi normodotati e diversamente abili. Il vivaio bresciano è uno tra i più promettenti del panorama nazionale per ampiezza e varietà.