Alloggi a canone calmierato

Alloggi a canone calmierato
 

Il Comune di Brescia ha pubblicato un avviso finalizzato a reperire immobili privati, da destinare ad abitazione civile a inquilini individuati dall'amministrazione comunale. L'obiettivo è trovare appartamenti, nell'ambito del mercato privato della locazione che, a fronte di un contributo pubblico, possano essere affittati a un canone concordato e calmierato, a nuclei famigliari a basso reddito.
L'avviso è rivolto a imprese di costruzione, cooperative edilizie, fondi immobiliari, grandi proprietà immobiliari di alloggi destinati ad abitazione civile, di categorie di tipo catastale A2/3/4/5, nell'ambito del territorio del Comune di Brescia.
Il requisito vincolante è la presentazione di un'offerta di locazione di un lotto minimo pari a dieci appartamenti.
Per quanta riguarda le caratteristiche tecniche, gli alloggi devono essere nelle disponibilità immediate del proprietario, liberi da inquilini, conformi alla normativa vigente in materia di edilizia e urbanistica, in buono stato di manutenzione, dotati di impianti a norma e di attestato di prestazione energetica. Inoltre gli immobili di nuova costruzione, oppure quelli che sono stati oggetto di un recente intervento di recupero, devono essere ultimati in conformità alle norme, in possesso della certificazione di agibilità, immediatamente accessibili e in perfetto stato locativo.

Gli immobili ritenuti idonei saranno ordinati in elenchi suddivisi per grandezza e per ciascun alloggio sarà proposto un contributo fino al 25% del valore dell'affitto da parte del Comune per quanto riguarda il canone di locazione stabilito per il primo triennio.
Il criterio di priorità con cui verranno esaminate le manifestazioni di interesse è la data di presentazione delle stesse, fino a esaurimento delle risorse stanziate.

Il contributo pattuito sarà corrisposto alla proprietà in un'unica soluzione, all'atto della presentazione del contratto di locazione sottoscritto e registrato.

Gli alloggi dovranno essere affittati a nuclei familiari collocati nell'elenco dei possibili inquilini che sarà predisposto dal settore casa lavoro e inclusione sociale – servizio casa del Comune di Brescia - sulla base di un apposito avviso rivolto a nuclei familiari residenti nel territorio comunale in possesso della cittadinanza italiana o di uno stato dell'Unione Europea, oppure nella condizione di stranieri in regola con le norme in materia di immigrazione, con reddito Isee compreso tra i 9mila e i 14mila euro.

Gli immobili dovranno essere affittati con contratto stipulato ai sensi dell'articolo 2, comma 3 della legge 9 dicembre 1998 numero 431, con un canone di valore inferiore al limite massimo previsto dall'accordo territoriale del 13 maggio 2003 come modificato in data 20 aprile 2011. Il canone annuo non potrà essere superiore a 7.200 euro.  La manifestazione d'interesse dovrà essere presentata entro venerdì 30 ottobre.

Le domande dovranno essere presentate con le seguenti modalità: consegna a mano al servizio casa, piazzale della Repubblica 1, 1° piano, negli orari di apertura dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 12, il giovedì anche dalle 14.15 alle 15.45, a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno da far pervenire al Comune di Brescia servizio casa, piazzale della Repubblica n. 1, 1° piano. La raccomandata dovrà pervenire entro il termine di scadenza, non farà fede il timbro postale. In alternativa è possibile inviare la domanda tramite posta certificata (Pec) al seguente indirizzo: serviziocasa@pec.comune.brescia.it.

Alla dichiarazione della manifestazione d'interesse dovranno essere allegate le schede relative ai dati identificativi e alle caratteristiche di ogni alloggio (minimo 10 alloggi), la planimetria catastale di ogni alloggio e il prospetto di calcolo del canone agevolato per ogni alloggio.

Informazioni: servizio casa del Comune di Brescia – Piazzale della Repubblica, 1 – Brescia
tel. 030 2977426 -  dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 12, il giovedì anche il pomeriggio dalle 14.15 alle 15.45.

Documenti allegati alla pagina