Hiroshima e Nagasaki

Hiroshima e Nagasaki

Il 6 e il 9 agosto 1945 le città di Hiroshima e Nagasaki, in Giappone, furono distrutte da due bombe atomiche che causarono migliaia di vittime e conseguenze che hanno effetti negativi ancora oggi. Tra le piante sopravvissute ai bombardamenti furono raccolti un aoghiri (albero del parasole) a Hiroshima e un albero di kaki a Nagasaki, i cui discendenti sono stati trapiantati anche nel cortile del Museo di Santa Giulia a Brescia.

In particolare, per ricordare le insensate atrocità causate dalle armi nucleari e sottolineare l'anelito alla vita e alla pace di ogni essere vivente, è nato il progetto dell'Albero del kaki - Rinascita del tempo: come simboli di pace, gli alberelli nati dai semi della vecchia pianta di kaki di Nagasaki sono stati distribuiti in tutto il mondo: nella provincia di Brescia ne sono presenti 40.

Anche quest'anno il coordinamento bresciano "Kaki Tree Project", insieme al Comune di Brescia e a Fondazione Brescia Musei, per tramandare la memoria di quanto avvenuto in Giappone il 6 e 9 agosto 1945, si ritroveranno attorno agli alberi di kaki e aoghiri nel cortile di Santa Giulia (entrata da via Piamarta).

Giovedì 6 agosto, alle 18, nell'auditorium del Museo di Santa Giulia avrà inizio la cerimonia di ricordo, alla quale interverranno don Pierluigi Di Piazza, fondatore del centro di accoglienza "Ernesto  Balducci ", i rappresentanti della scuola dell'infanzia di San Martino della Battaglia, il soprano Manami Hara e l'attrice Chiara Bazzoli.

Giovedì 6 agosto, alle 8, nel piazzale della stazione ferroviaria di Brescia, si svolgerà un "Flash mob per un futuro senza atomiche".  Informazioni: tel. 0303229343, e-mail: movimentononviolento.bs@alice.it

Nella mattinata di lunedì 10 agosto, a Travagliato, nel giardino della Casa di riposo Don Colombo in via Rose 1, vicino a un albero di kaki di Nagasaki, è in programma una commemorazione degli eventi del 9 agosto 1945. Informazioni: http://www.fondazionedonangelocolombo.it/Progetto_kaki.php.  

Documenti allegati alla pagina