Il nuovo look della sala civica di viale Piave

Il nuovo look della sala civica di viale Piave

​E' stata presentata la nuova sala civica di viale Piave, decorata e riqualificata grazie agli interventi degli studenti dell'Accademia Santa Giulia. Tema l'Albero della Vita, simbolo di Expo 2015, e lo skyline di Brescia.

Alla fine di maggio il Comune di Brescia ha sottoscritto con l’Accademia Santa Giulia di Brescia e Libera Accademia di Belle Arti Laba di Brescia una collaborazione per la realizzazione del progetto di restyling e decorazione delle sale territoriali, attraverso il lavoro degli studenti iscritti ai corsi. Il progetto riguarderà le sale gestite dagli uffici di zona del territorio comunale utilizzate dalle realtà associative nei più svariati campi di attività (sociale, assistenziale, culturale, ludico-ricreativo, religioso, sportivo), al fine di renderle più decorose ed accoglienti.

Il progetto sviluppato nella sala civica di viale Piave dagli allievi dell’Accademia Santa Giulia, coordinati dal professor David La Fede, riguarda una reinterpretazione dell’albero della vita realizzato per Expo 2015 unito a uno skyline con gli edifici simbolici di Brescia.

La scelta di rappresentare due elementi che dialogano e si compenetrano è utile per sottolineare l’importanza di Brescia come città che vanta una grande tradizione storica, artistica e culturale. Lo skyline richiama la bellezza di Brescia, mentre l’Albero della vita sottolinea il lavoro svolto dalla provincia di Brescia nella realizzazione di un simbolo fondamentale per l’immagine dell’esposizione universale 2015. Questi due elementi, il vecchio (lo skyline) e il nuovo (l’Albero della vita), si affiancano e giocano sui muri evidenziando l’importanza della cultura e della storia per l’uomo, fondamentale per la sua crescita personale e per lo sviluppo della società moderna e contemporanea.

La tecnica utilizzata è il dipinto acrilico su muro per quanto riguarda l’albero della vita e acrilico su supporti in plexiglass con elementi materici per quanto riguarda lo skyline. La sala viene così restituita alla cittadinanza più accogliente e decorosa, con l’invito a tutti gli utilizzatori ad una maggiore attenzione alla cura durante l’utilizzo di questo spazio.

Sia l’Accademia Santa Giulia che la Libera Accademia di Belle Arti Laba hanno accettato la proposta di inserire nel proprio piano di studi, a partire dall’ultimo scorcio del corrente anno accademico, e per i successivi anni accademici 2015/2016 e 2016/2017, gli interventi di decorazione delle sale territoriali con il duplice obiettivo di valorizzare la capacità di espressione artistica degli allievi e di migliorare le suddette strutture comunali, rendendone più piacevole la fruizione da parte dei cittadini.

L’accordo è stato applicato in forma sperimentale a partire dal mese di giugno del 2015 attraverso l’esecuzione di un intervento da parte di ciascuna Accademia, di cui uno presso la sala di via don Teotti (Laba) e il secondo presso quella di viale Piave (Santa Giulia).

L’amministrazione comunale ha fatto fronte esclusivamente all’acquisto del materiale da utilizzare per le decorazioni, per un importo di spesa pari ad 1.500 euro circa per entrambe le decorazioni. L’amministrazione comunale, insieme alle Accademie, è già al lavoro per la programmazione dei prossimi progetti di restyling. A breve verrà presentato anche il lavoro eseguito dalla Libera Accademia di Belle Arti di Brescia (Laba) eseguito dagli allievi coordinati dal professor Goglio presso la sala civica del Villaggio Violino in via Don Teotti.

 

 

 

 

 

 

 

Documenti allegati alla pagina