Capitolium, ultimati i lavori di musealizzazione della IV cella del santuario repubblicano

Capitolium, ultimati i lavori di musealizzazione della IV cella del santuario repubblicano

Dall'8 maggio sarà visitabile, nella sua completezza, Brixia. Parco Archeologico di Brescia romana, oggetto negli ultimi due anni di un progetto di recupero e valorizzazione che diversi enti, coordinati dal Comune di Brescia e dalla Soprintendenza Archeologica della Lombardia, hanno portato avanti con costanza e continuità con la Fondazione Brescia Musei.

L'area completa si estende per circa 4.200 metri quadrati e consente un viaggio nel tempo unico, dall'età preromana al rinascimento, partendo dai livelli più antichi al di sotto del Capitolium, sino ai palazzi nobili che, reimpiegando i resti degli antichi edifici, cingono ancora oggi la zona.

Negli ultimi 10 anni l'area è stata oggetto di indagini archeologiche, consolidamenti, interventi strutturali, restauri, studi, ricostruzioni, realizzazione di impianti particolarmente sofisticati e all'avanguardia per la protezione delle strutture.

Dal 2013 il Capitolium è stato rinnovato e riproposto in considerazione della sua funzione originaria, ovvero quella del tempio principale dell'antica città imperiale, con i frammenti scultorei e architettonici originari riposizionati in situ e i pavimenti in marmi policromi restituiti all'antico splendore.

Dall'autunno del 2014 anche il teatro romano, uno dei più imponenti della Cisalpina, è stato integrato nei percorsi di visita, a seguito di un intervento di valorizzazione che ha riqualificato l'area urbana nella quale si trova, tra il Capitolium e il complesso monumentale di Santa Giulia. 

Con l'apertura e l'integrazione anche del santuario repubblicano, si completa un importante progetto che, oltre a restituire alla città e ai turisti un raro esempio di stratigrafia urbana monumentale, va a completare numerose azioni previste nel piano di gestione del sito Unesco di cui Brescia fa parte dando forma ad un luogo unico che prende finalmente il nome di "Brixia. Parco archeologico di Brescia romana".