Riapre il salone "Da Cemmo"

Riapre il salone "Da Cemmo"

Dopo cinque anni di chiusura alle manifestazioni pubbliche e uno di complessi lavori di messa a norma e riqualificazione, martedì 5 maggio alle 17 sarà ufficialmente riaperto al pubblico il Salone Pietro Da Cemmo, situato all’interno del Conservatorio Luca Marenzio.
Per l’occasione, sono previsti tre concerti inaugurali e una lunga serie di manifestazioni musicali.

Il primo spettacolo, su invito, si svolgerà il 5 maggio alle 17. Sarà eseguito il concerto per flauto e arpa in do maggiore K.299, da parte dell’orchestra del Conservatorio Luca Marenzio, diretta da Luigi Mazzocchi, con la partecipazione dei solisti Nicoletta Viviani al flauto e Regina Dominguez Celorrio all’arpa.

Protagoniste del secondo evento, su invito e in programma mercoledì 6 maggio alle 17, saranno varie formazioni corali dello stesso istituto tra le quali il Coro Misto, il Coro Polifonico e il gruppo vocale “I solisti”, accompagnati al pianoforte da Alessandro Zilioli e diretti da Silvio Baracco.

Al primo concerto aperto al pubblico, in programma venerdì 8 maggio alle 21, parteciperanno il violoncellista Claudio Marini e il pianista Giampaolo Stuani con due sonate per violoncello e pianoforte di Beethoven e Rachmaninov, alle quali farà seguito una nutrita serie di saggi.

Nel salone Pietro Da Cemmo, uno dei cenacoli culturali storici della città di Brescia e sede di importantissimi concerti e dibattiti artistici, si sono esibiti musicisti di chiara fama del panorama musicale locale e nazionale, tra i quali Arturo Benedetti Michelangeli, Pierpaolo Pasolini, Giovanni Testori, Ennio Morricone e molti altri.
Promotori dell’operazione di recupero della sala comunale, enclave artistico di primaria importanza per il suo prezioso ciclo di affreschi e il pregevole soffitto ligneo del 1490, sono stati il presidente del Conservatorio Patrizia Vastapane e il direttore Ruggero Ruocco.

I primi due concerti inaugurali, per ragioni di rigide prescrizioni di sicurezza e di accesso al pubblico dovute al numero limitato di posti, saranno esclusivamente ad inviti mentre agli altri sarà possibile accedere fino ad esaurimento dei posti.

In allegato il programma completo