Risparmio idrico e limitazioni all'utilizzo di acqua potabile

Risparmio idrico e limitazioni all'utilizzo di acqua potabile
 

In conseguenza della grave emergenza idrica il sindaco di Brescia, Emilio Del Bono, ha firmato l'ordinanza contenete misure di carattere straordinario ed urgente finalizzate a razionalizzare l'utilizzo delle risorse di acqua disponibili, al fine di garantire a tutti i cittadini di poter soddisfare i fabbisogni primari.

Sull'intero territorio comunale, da venerdì 1 luglio e fino al termine della criticità idrica che sarà comunicata con revoca, è vietato il prelievo e il consumo di acqua potabile per l'irrigazione e l'annaffiatura di giardini e prati, attività consentite solo dalle 21 alle 8. Vietato lavare cortili e piazzali dalle 9 alle 21, veicoli privati, con esclusione delle attività degli autolavaggi, riempimento nuovo di fontane ornamentali, vasche da giardino e piscine private.

Non sono soggetti al rispetto degli orari sopra indicati i cittadini che utilizzano acqua non potabile ricavata da un proprio pozzo privato.​

Si invita la cittadinanza a utilizzare l'acqua potabile in maniera razionale con la raccomandazione di controllare il corretto funzionamento degli impianti idrici e irrigui per individuare eventuali perdite, utilizzare dispositivi per il risparmio idrico in casa (frangigetto per i rubinetti), utilizzare lavatrici e lavastoviglie sempre a pieno carico, preferire la doccia al bagno, chiudere sempre l'acqua quando non serve, non scongelare gli alimenti con l'acqua corrente, utilizzare l'acqua di lavaggio della frutta e della verdura per innaffiare le piante e in generale riutilizzarla ogni volta che si può.

Il mancato rispetto di quanto previsto dal documento comporterà l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 200 euro.

Polizia Locale e Forze dell'Ordine adotteranno efficaci misure di controllo al fine di garantire il rispetto delle prescrizioni e di perseguire eventuali prelievi abusivi.​