Canonizzazione di Paolo VI

Canonizzazione di Paolo VI
 

Giovedì 30 maggio il Teatro Grande ospiterà un concerto straordinario in onore della canonizzazione di papa Paolo VI. Promosso dal Festival pianistico di Brescia e Bergamo, l’evento vede la partecipazione dell’orchestra e del coro del Teatro alla Scala di Milano diretto dal maestro Riccardo Chailly. L’evento sarà trasmesso anche su un maxischermo nella piazza dedicata al Papa bresciano, a breve distanza dal Duomo.

L’amore per l’arte e la musica, soggetti di molti scritti tra cui la celebre Lettera agli artisti, ritornano al Teatro Grande in nome di Paolo VI dopo il memorabile concerto del 2015 con Riccardo Muti in occasione della beatificazione del papa bresciano.

Anche il nome del direttore artistico della Scala è legato alla memoria di Paolo VI: Chailly dirigerà la “Missa Papae Pauli”, composta nel 1967 dal padre Luciano, già direttore musicale del Teatro alla Scala, in onore dell’allora papa Montini. La messa sarà seguita dalla Sinfonia n° 1 di Johannes Brahms.

L’omaggio al Papa del maestro Chailly e dell’Orchestra e Coro della Scala assume poi un significato ulteriore, in quanto Paolo VI è stato arcivescovo di Milano dal 1954 fino all’elezione a Pontefice (1963). Inoltre la data del 30 maggio è strettamente legata al giorno stabilito da Papa Francesco per la memoria liturgica di San Paolo VI, che si terrà il 29 maggio, a ricordo dell’ordinazione sacerdotale di Montini avvenuta nel 1920.

Documenti allegati alla pagina