“Casa della Memoria”

“Casa della Memoria”

​Mercoledì 11 gennaio, nella sede di via Crispi 2, Casa della Memoria ha presentato ciò che è stato realizzato in tema di digitalizzazione della documentazione su stragi, terrorismo e criminalità organizzata.

Il progetto, nel quale l’associazione è impegnata da più di dieci anni, ha interessato non solo il processo per la strage di piazza della Loggia, ma anche quello di piazza Fontana, per la quale si è provveduto a rintracciare testimonianze presso il Tribunale di Catanzaro, il Tribunale di Milano e la Procura della Repubblica di Milano. È stata avviata anche una collaborazione con Bologna e Padova per recuperare informazioni e documenti relativi ai processi per la strage di Bologna e dell'Italicus, per i Nar (Nuclei Armati Rivoluzionari) e per l'omicidio dei due esponenti missini padovani Graziano Giralucci e Giuseppe Mazzola.

Con la cancelleria del Tribunale di Milano è stata ampliata la ricerca e la successiva digitalizzazione dei grandi processi politici ed economici, come quelli su Calvi e Sindona.

In tale progetto sono coinvolti anche il Ministero dei Beni Culturali e il Ministero della Giustizia e della Presidenza del Consiglio. Quest’ultimo, in particolare, ha permesso il recupero di documenti dei servizi segreti relativi alle stragi.

All’iniziativa hanno contribuito anche il Comune e la Provincia di Brescia, oltre a Regione Lombardia, stanziando circa 50mila euro.

Documenti allegati alla pagina