Ordinanza Carmine

Ordinanza Carmine
 
​​L’amministrazione comunale di Brescia ha modificato l’ordinanza che vieta, in determinati orari, la vendita da asporto di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione, in qualunque recipiente, e di bevande analcoliche in contenitori di vetro nel quartiere del Carmine. Tale divieto entrerà in vigore alle 19 e non più alle 18. L’ordinanza, inoltre, impone che le attività commerciali chiudano alle 23, un’ora dopo rispetto al precedente provvedimento. 
Il divieto di vendita di bevande, valido tutti i giorni, sarà in vigore dalle 19 alle 6, nel periodo dal 4 febbraio al 30 aprile 2017. Le aree interessate sono le seguenti: corso Goffredo Mameli nel tratto da via delle Battaglie a via San Faustino, via San Faustino nel tratto da corso Mameli a via Porta Pile, via Porta Pile, via Marsala nel tratto da via Porta Pile a via Capriolo, via Elia Capriolo nel tratto da via Marsala a via delle Battaglie, via delle Battaglie nel tratto da via Capriolo a corso Mameli. Tale divieto riguarda gli esercizi commerciali, i circoli privati, i laboratori artigianali, gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande in genere, nonché i distributori automatici.
L’ordinanza impone, inoltre, l’obbligo di chiusura delle attività alle 23, e non più alle 22, in qualsiasi giorno della settimana per i titolari degli esercizi di vendita al dettaglio, delle attività artigianali con vendita al minuto del settore alimentare e dei distributori automatici, situati in Rua Sovera sul lato est, dal numero 2 al 40, Rua Sovera sul lato ovest, dal numero 1 al 75, via San Faustino sul lato est, dal numero 20 a contrada Pozzo dell’Olmo, via San Faustino sul lato ovest, dal numero 1 a vicolo delle Ventole, via Capriolo, fino all’intersezione con via Paitone, e via delle Battaglie, dall’intersezione con corso Mameli all’intersezione con via Capriolo. 
Dal 22 ottobre al 22 gennaio i nuclei di Polizia Giudiziaria e Commerciale della Polizia Locale hanno eseguito 51 servizi dedicati per controllare la vendita di alcolici e gli orari di chiusura delle attività. In un caso è stata presentata una denuncia penale per vendita di bevande alcoliche oltre l’orario consentito mentre altri due casi segnalati sono in corso di verifica.
L’ordinanza è motivata dalla necessità di garantire la sicurezza dei cittadini, l’igiene e il decoro urbano nella zona del Carmine dove spesso, in passato, l’eccessivo consumo di bevande alcoliche da parte di persone che si trovavano in spazi pubblici ha provocato schiamazzi.