Polizia locale, controlli al "mercatino dell'est" in via cascina Pontevica

Polizia locale, controlli al "mercatino dell'est" in via cascina Pontevica
 

Lo scorso fine settimana, nella mattinata di domenica 30 novembre, gli ufficiali e gli agenti della Polizia Locale di Brescia e i militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Brescia hanno proceduto a un controllo capillare del cosiddetto “Mercatino dell’est” di via Cascina Pontevica, nella zona sud della città. L’operazione è stata effettuata nell’ambito di alcuni servizi di controllo del territorio.
Il personale del nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia Locale, in abiti civili e con veicoli senza insegne, si è mimetizzato tra la gente che solitamente frequenta tale luogo di ritrovo, osservando movimenti sospetti finalizzati alla vendita di merce vietata dalla normativa vigente. In tale contesto è stato notato un soggetto che stava cercando di vendere alcuni profumi e cellulari occultati all’interno di una borsa.
Interrogato dagli agenti, il cittadino, un ventottenne di origine rumena, residente in provincia di Bergamo, ma di fatto senza fissa dimora, non è stato in grado di giustificare la provenienza dei prodotti. Di conseguenza sono state recuperate alcune confezioni di profumi di marca, probabili proventi di furti in negozi del settore, oltre a telefoni cellulari, modello “iPhone”, di provenienza cinese e offerti in vendita come originali. Tutto il materiale è stato posto sotto sequestro e il cittadino denunciato a piede libero per il reato di ricettazione.
Contestualmente, dopo aver notato un evidente stato di agitazione delle persone presenti nei pressi di un vano rimorchio posto all’interno del capannone destinato al mercato, gli agenti hanno accertato che su di esso erano posizionati, pronti alla vendita, circa 200 pacchetti di sigarette, per un totale complessivo di 4 chili.
Pertanto, i militari della Guardia di Finanza insieme alla Polizia Locale, hanno proceduto al sequestro delle sigarette di contrabbando e hanno redatto una denuncia contro ignoti, poiché non è stato possibile identificare i responsabili.
Infine, il personale della Polizia Locale e delle Fiamme Gialle ha notato il comportamento sospetto dell’autista di un veicolo Mercedes Sprinter che, alla vista delle forze dell’ordine, si è allontanato a velocità sostenuta, così da indurre gli agenti e i militari a inseguirlo fino a via Malta. Alla guida del mezzo si trovava un uomo di origine ucraina di 29 anni, domiciliato a Brescia.
Avendo fondato motivo di ritenere che all’interno dell’autoveicolo si potesse celare della refurtiva e altro materiale di dubbia provenienza, la Polizia Locale e la Guardia di Finanza hanno eseguito una perquisizione, rinvenendo dapprima un cacciavite e un coltello con una lama da 11 centimetri e successivamente un “doppiofondo” appositamente creato nel vano di carico, dove erano stati occultati tabacchi esteri lavorati per un quantitativo di oltre 9 chili.
Il ritrovamento dei tabacchi lavorati esteri, oltre al coltello, ha indotto le forze dell’ordine a denunciare all’autorità giudiziaria il conducente e la proprietaria del mezzo, una ventinovenne di origine ucraina, procedendo al contestuale sequestro dei corpi del reato.

Documenti allegati alla pagina