nuovo portale web dellafamiglia

nuovo portale web dellafamiglia
 

NUOVO PORTALE WEB DELLA  FAMIGLIA

">http://famiglia.comune.brescia.it


Il Comune di Brescia ha attivato un nuovo portale web dedicato alla Famiglia.

Con questa iniziative l’Amministrazione comunale vuole rendere disponibile uno strumento che agevoli la Famiglia nella reperibilità delle informazioni relative ai servizi di suo immediato interesse. 

Il portale si rivolge alla Famiglia nella sua espressione più ampia coinvolgendone tutti i componenti nei loro rispettivi  ruoli di coniugi di genitori di figli e di nonni.

 
Ogni area comprenderà due sezioni informative:

1. una sezione dedicata ai servizi messi a disposizione delle famiglie e delle persone per informarsi o per effettuare online richieste e iscrizioni, accessi informativi, comunicazioni ai servizi comunali e rimanderà al sito istituzionale per ulteriori approfondimenti attraverso collegamenti ipertestuali.

Nella stessa area dei servizi troverà spazio, prossimamente in una fase successiva di implementazione, un'area dedicata alla rete delle associazioni e un'area potrà essere dedicata al sistema dei soggetti pubblici e privati a cui è affidata l'erogazione dei servizi di pubblico interesse. In ogni caso, da subito, verrà dato spazio alle organizzazioni del terzo settore nella sezione dedicata alla news.

2.  una sezione dedicata agli eventi della città e alle novità con possibili rimandi a siti esterni per eventuali approfondimenti.


Il Portale per la famiglia  si  colloca nell’ambito delle azioni e dei progetti per la costruzione di un nuovo welfare cittadino che ha visto realizzare iniziative tra le quali :

- la  sperimentazione e istituzione  in attuazione della  Lr 3/2008  del servizio di segretariato sociale  su tutto il  territorio in funzione di  garante dei diritti  di accesso alle prestazioni socio assistenziali, attraverso la raccolta dei bisogni, ascolto delle specifiche esigenze della persona e della famiglia , l’orientamento e accompagnamento ai servizi di cui necessita;
- il  riconoscimento di undici Punti Famiglia: servizi  di ascolto e di informazione, distribuiti sul territorio delle 5 circoscrizioni, al servizio del cittadino per  informarlo sulle offerte ed opportunità che Brescia può offrire in risposta ai suoi bisogni, ma anche per far conoscere i servizi esistenti e le risorse attivabili: due sportelli  specificatamente rivolti (per competenza) a disabili e stranieri,  gestiti da associazioni già presenti e attive sul territorio attraverso il lavoro di operatori competenti e preparati;
- l’approvazione del nuovo Piano delle Politiche per la famiglia e del welfare comunitario e delle nuove linee di indirizzo per la programmazione e organizzazione dei servizi  alla persona, in cui  - riaffermato il  ruolo e la responsabilità  del Comune nel  governo della rete dei servizi  intesa quale sistema integrato di  offerta di prestazioni strutture  e funzioni a sostegno e promozione della autonomia della famiglia -  l’Amministrazione ha definito una nuova  politica di partecipazione e valorizzazione delle iniziative e delle risorse presenti sul territorio individuando nuovi strumenti tra cui l’accreditamento delle unità di offerta qualificate (anche in forma sperimentale anticipando quelle che saranno i riconoscimenti da parte della Regione ) e la co-progettazione  con il coinvolgimento diretto  del terzo settore nella  valutazione dei bisogni, nella individuazione delle priorità di intervento e delle modalità e degli strumenti  adeguati  e nella quantificazione delle risorse necessarie;
- l’approvazione del nuovo Piano sociale di zona 2012-2014  nel  quale essendosi  trovati per la prima volta  a confrontarsi con una significativa riduzione delle risorse economiche, si è avviato un percorso di riorganizzazione dei servizi fondato su base solidaristica e partecipativa, per una risposta efficace ma al tempo stesso efficiente ai bisogni  espressi dai cittadini.  Un forte accento è stato portato  sulla stretta connessione del sistema dei servizi pubblici con quelli  operanti sul territorio e sviluppati dalla lunga tradizione del volontariato e dell’associazionismo, con il supporto tecnico del mondo della cooperazione sociale, in funzione  di una programmazione sostenibile.  

Il nuovo portale web vuole essere l’espressione della  centralità della famiglia, della unitarietà dei  bisogni che esprime, della solidarietà nei confronti della famiglia stessa per sostenerla nei suoi compiti di cura e di assistenza solidale e della necessità di  promuoverne e ancora più sostenerne  l’autonomia e l’autoderminazione nel senso di creare le condizioni, affinchè la famiglia torni ad essere il primo osservatorio dei bisogni  e dei disagi personali,  andanda ad assumere  un ruolo centrale nei processi decisionali delle politiche comunitarie, affinché nella programmazione dei servizi  si  vadano ad attivare risorse e strumenti adeguati che tengano conto delle sue reali ed effettive esigenze.

Il portale  è destinato quindi a costituire  non solo un nuovo strumento di comunicazione e di informazione per le famiglie, ma  in prospettiva   anche un canale diretto e semplificato di accesso ai servizi con la possibilità di  collegamenti  on line in aree dedicate. 

Dovrà diventare uno strumento attraverso il quale Amministrazione e famiglie possano aprire un dialogo costruttivo,  con il quale nella condivisione delle responsabilità  e mediante la partecipazione attiva  alla analisi dei bisogni e alla coprogettazione  degli interventi, sviluppare un nuovo patto per lo sviluppo partecipato del territorio in cui la famiglia stessa si faccia  promotrice di socialità. 

Documenti allegati alla pagina