Statuto

Statuto

STATUTO
(atto costitutivo in data 18 dicembre 2010)

Articolo 1
È costituita l’Associazione “Confraternita dei Santi Faustino e Giovita” con sede in Brescia, in Via San Faustino n. 74 presso la Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita, in seguito chiamata “Confraternita”.
La “Confraternita” ha durata di cinquanta anni, rinnovabili.

Articolo 2
La Confraternita, che non svolge attività commerciale con fini di lucro, si propone di promuovere le annuali manifestazioni per la Festa dei Santi Patroni nel ricordo dell’omonima Confraternita che nel passato ha operato presso la parrocchia cittadina dei Santi Protettori favorendo la crescita dello spirito comunitario dei bresciani del capoluogo e degli abitanti dei numerosi paesi della provincia, sul cui territorio sono presenti chiese dedicate ai santi Faustino e Giovita.
La Confraternita intende a tal fine promuovere la realizzazione di ricerche e studi, di incontri religiosi, culturali, musicali e artistici e di particolari eventi, che contribuiscano ad alimentare, a conferma delle tradizioni, il desiderio di partecipazione e di convivenza, con lo scopo di favorire la crescita di una comunità sempre più coesa e solidale.

Articolo 3
I soci si distinguono in: Fondatori, Benemeriti e Ordinari.

Soci Fondatori

La Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita, il Comune di Brescia, l’Amministrazione Provinciale di Brescia, la Camera di Commercio di Brescia, in qualità di soci fondatori, costituiscono l’Associazione Confraternita dei Santi Faustino e Giovita.
La Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita, in quanto primo promotore, assume l’onere di coordinarne l’attività.
Il Comune, l’Amministrazione Provinciale e la Camera di Commercio contribuiscono al suo funzionamento come previsto dall’art. 13.

Soci Benemeriti

Sono soci benemeriti:
- Università degli Studi di Brescia
- Università Cattolica del Sacro Cuore
- Ateneo di Scienze Lettere ed Arti
- Fondazione Civiltà Bresciana
- Fondazione ASM
- Fondazione Brescia Musei
- Fondazione Banca San Paolo
I Soci Benemeriti contribuiscono al funzionamento della Confraternita con le seguenti modalità:
- Fondazione ASM e Fondazione Banca San Paolo mediante il versamento di contributi annuali di liberalità;
- Università degli Studi di Brescia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Fondazione Brescia Musei, Ateneo di Scienze Lettere ed Arti e Fondazione Civiltà Bresciana mediante la prestazione di  attività e/o servizi.

Soci Ordinari

I soci Ordinari possono essere persone fisiche o giuridiche, sia pubbliche che private o associazioni anche prive di personalità giuridica che condividono le finalità della Confraternita.
La domanda di ammissione a socio deve essere presentata da un socio Fondatore o da un socio Benemerito oppure da due soci Ordinari.
I soci Ordinari versano una quota annuale determinata ai sensi dell’art. 13.
La qualità di Socio Ordinario si perde per dimissioni, per recesso o per reiterati inadempimenti degli obblighi statutari, accertati con delibera motivata del Consiglio Direttivo, assunta a maggioranza dei 2/3 dei suoi membri.

Articolo 4
Sono organi dell’Associazione:
- l’Assemblea;
- il Consiglio Direttivo;
- il Presidente;
- il Segretario;
- il Tesoriere;
- il Collegio dei Revisori dei Conti.

Articolo 5
L’Assemblea, costituita da un rappresentante per ciascuno dei soci Fondatori, dei soci Benemeriti e dei soci Ordinari, si riunisce almeno una volta all’anno, su convocazione del Presidente; deve, inoltre, essere convocata ogni volta che ve ne sia la necessità, ad iniziativa del Presidente o su richiesta di almeno cinque membri del Consiglio Direttivo o di almeno un terzo dei soci.
Spetta all’Assemblea:
a) l’approvazione delle modifiche al presente Statuto;
b) l’approvazione del preventivo e del consuntivo annuali;
c) la nomina dei Revisori dei Conti;
d) l’approvazione degli indirizzi generali e dei programmi proposti dal Consiglio Direttivo;
e) l’approvazione dell’entità e delle modalità di versamento delle contribuzioni dei soci deliberate dal Consiglio Direttivo.
L’Assemblea dei soci è convocata con un preavviso di almeno dieci giorni.
L’assemblea è valida se è presente la metà più uno dei suoi membri in prima convocazione e il 30% dei suoi componenti in seconda convocazione.
Dopo un’ora dalla prima convocazione l’Assemblea si considera in seconda convocazione.
Le decisioni vengono adottate a maggioranza dei presenti aventi diritto al voto. In caso di parità prevale il voto del Presidente.
Per le modifiche dello Statuto è necessaria la maggioranza dei 2/3 degli aventi diritto al voto.
I Soci Ordinari componenti l’Assemblea procedono ad indicare fino a tre membri, scelti fra di loro, quali componenti del Consiglio Direttivo.
Nel caso che i soci siano fino a tre, ognuno nomina un proprio rappresentante; se sono più di tre, i tre membri in seno al Consiglio Direttivo saranno designati congiuntamente dagli stessi soci ordinari.
Di ogni seduta dell’Assemblea verrà redatto apposito verbale.

Articolo 6
Il Consiglio Direttivo è composto dai membri di diritto e, fino ad un massimo di tre, da membri indicati dai soci Ordinari.
Sono membri di diritto:
1. il Parroco della Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita;
2. un delegato del Vescovo;
3. il Sindaco di Brescia o un suo delegato;
4. il Presidente della Provincia di Brescia o un suo delegato;
5. il Presidente della Camera di Commercio o un suo delegato;
6. i Soci benemeriti o i loro delegati.
Sono altresì membri del Consiglio Direttivo i Soci Ordinari, fino ad un massimo di tre, indicati dall’Assemblea. Essi durano in carica tre anni.
I componenti non di diritto che senza giustificato motivo non intervengono a tre riunioni consecutive del Consiglio Direttivo decadono automaticamente dalla carica.

Articolo 7
Il Consiglio Direttivo è l’Organo che gestisce la Confraternita.
Spetta al Consiglio Direttivo:
a) eleggere il Vice-Presidente, scegliendolo tra i membri del Consiglio stesso;
b) nominare il Segretario;
c) nominare il Tesoriere;
d) formulare le proposte e attuare il programma approvato dall’Assemblea, decidendo tutte le attività necessarie per la realizzazione dei fini sociali;
e) presentare annualmente all’Assemblea il preventivo e il consuntivo;
f) proporre le quote annuali dei Soci, nei termini stabiliti dall’art. 13 e in ogni caso tenendo conto delle specifiche esigenze di ciascun Socio;
g) approvare, con il voto favorevole dei 2/3 dei suoi membri, la proposta di adesione di nuovi Soci Ordinari;
h) costituire eventuali consulte di enti, associazioni, singole persone non soci, che partecipino con fondi, attività, servizi, alla realizzazione degli scopi della Confraternita.
Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide se è presente la maggioranza dei suoi membri.
Il Consiglio Direttivo adotta le proprie decisioni a maggioranza dei presenti; in caso di parità prevale il voto del Presidente.

Articolo 8
Il Presidente della Confraternita è di diritto il Parroco della Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita di Brescia.
Il Presidente ha la rappresentanza legale della Confraternita; ne firma gli atti, contratti e accordi approvati dal Consiglio Direttivo; convoca l’Assemblea e il Consiglio Direttivo e li presiede; coordina l’attività della Confraternita.

Articolo 9
Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di suo impedimento, collabora con il Presidente e svolge le attività da lui delegate.

Articolo 10
Il Segretario verbalizza le riunioni dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo e sottopone i relativi Verbali alla firma del Presidente.
Collabora con il Consiglio Direttivo e in particolare con il Presidente nell’espletamento di tutta l’attività della Confraternita.
Il Tesoriere collabora alla gestione contabile e finanziaria della Confraternita.

Articolo 11
L’Assemblea nomina i componenti del Collegio dei Revisori, in numero di tre. I membri del Collegio durano in carica tre anni e sono rinominabili.
Il Collegio dei Revisori controlla la gestione economica e finanziaria della Confraternita.
Il Collegio redige annualmente una relazione scritta sul consuntivo e sul preventivo presentati all’Assemblea.
Qualora per dimissioni o per qualsiasi altra causa venissero a mancare uno o più membri del Collegio, essi saranno sostituiti.
I membri del Collegio dei Revisori partecipano alle riunioni del Consiglio Direttivo senza diritto di voto.

Articolo 12
Tutte le cariche sociali sono a titolo gratuito.

Articolo 13
Le entrate della Confraternita sono rappresentate:
- dalle quote annuali dei soci fondatori proposte dal Consiglio Direttivo e approvate dall’Assemblea, tenendo conto delle specifiche esigenze di ciascun Socio Fondatore;
- dai contributi annuali di liberalità dei soci Benemeriti, ai sensi del precedente art. 3;
- dalle quote dei Soci Ordinari proposte dal Consiglio Direttivo e deliberate dall’Assemblea;
- da contributi o donazioni effettuati da altri Enti Pubblici o privati o da singoli privati;
- dai finanziamenti acquisiti in realizzazione di singoli progetti.
Tutte le entrate sono destinate alla realizzazione delle finalità della Confraternita.

Articolo 14
L’esercizio sociale inizia l’1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

Articolo 15
Lo scioglimento della Confraternita è deliberato dall’Assemblea con il voto favorevole di almeno tre Soci Fondatori.
In caso di scioglimento, l’Assemblea designerà uno o più liquidatori determinandone i poteri.
Il netto risultante dalla liquidazione sarà devoluto secondo le indicazioni fornite dal Vescovo di Brescia.

Articolo 16
Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto si fa riferimento alle leggi che regolano la materia.